Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 30 Settembre - ore 23.30

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Lerici Bike: "Accuse ridicole, solo noi e i cacciatori amiamo e viviamo il territorio"

La replica alla lettera di un socio del Cai.

"Rispondiamo con i fatti"
Lerici Bike: "Accuse ridicole, solo noi e i cacciatori amiamo e viviamo il territorio"

- Non permettiamo a nessuno di far passare un messaggio sbagliato: i biker puliscono i sentieri, non li maltrattano. E questo avviene oggi in ogni parte del mondo, ma soprattutto nella nostra Liguria, ormai terra leader del turismo outdoor e della mountainbike grazie alla quale la sentieristica ormai in totale incuria e degrado viene valorizzata creando turismo e valore aggiunto al territorio.

Noi oggi rispondiamo così alle accuse (il riferimento è a questa lettera) di uno qualunque… Coi fatti!

Oggi giornata di pulizia sentieri, ci siamo presi cura del sentiero CAI 422, sentiero che dalla località In Cima al Monte scende al borgo de La Serra, sistemato dalla continua erosione dei cinghiali, acqua piovana e dall’incuria. Sistemato e pulito nel tratto più storico e bello e per nulla rovinato dai biker. Un sentiero già più volte chiuso dalla caduta di alberi e sempre da noi liberato e reso fruibile. Così ci prendiamo cura del suolo pubblico, res publica, con lo zaino in spalla e tanta passione, noi amanti dello sport e della mountainbike. Così rispondiamo come Associazione al qualunquismo dilagante ed all’ignoranza di ignoti personaggi che si professano e dichiarano studiosi ( magari avessero studiato) che cercano un po' di notorietà pubblicando illazioni gratuite verso un’associazione che da 3 anni e oltre valorizza e fa manutenzione, gratuita e solo per passione, ci teniamo a precisare, con zaino in spalla e tanta passione e amore del nostro territorio. Se solo una piccola parte delle vecchie generazioni come quella del signore che ci accusa, avessero avuto nel tempo amore per il proprio territorio come lo abbiamo noi non sarebbe tutto in degrado e lasciato all’incuria: sentieri rovinati, occlusi da alberi e rovi e diventati scolo dell’acqua piovana senza nessun controllo da parte di nessuno. L’erosione di una mtb è tanto quanto quella provocata dal trekking (basti vedere le 5 terre), e molto minore del calpestio ippico. Recenti studi di università di altri paesi lo hanno ben dimostrato, l’architetto che lancia accuse dovrebbe aggiornarsi e studiare di più in merito. Ricordo che un biker non è un’entità astratta ed a se stante, ma è anche e soprattutto trekker. I luoghi comuni non sono accettabili, soprattutto da chi si dichiara dottore e studioso!! La vera erosione è dovuta da anni di incuria in cui il bosco, i cinghiali e l’acqua hanno purtroppo trovato terreno fertile. Come Associazione, ormai conosciuta da anni a livello locale e nazionale, organizziamo giornate gratuite di pulizia sentieri ogni anno nel nostro territorio, abbiamo adottato due sentieri CAI nel territorio del comune di Lerici in collaborazione col parco di Montemarcello, di cui ce ne prendiamo costantemente cura, facciamo conoscere il nostro territorio attraverso eventi locali continui e di livello nazionale, ricordando che a giugno Lerici ha ospitato il terzo round del Superenduro MTB, facendo conoscere la nostra località a migliaia di biker e turisti. Siamo partner IMBA ed abbiamo certificazione di Trailbuilder, quindi ben conosciamo l’erosione del suolo, le cause e come apporvi rimedio. Avviciniamo i giovani allo sport pulito come la mountainbike e all’amore per il proprio territorio, una delle ormai poche associazioni locali a farlo. Non sono i sentieri che stanno sprofondando come afferma il tale che ci accusa, ma il nostro territorio, che ha urgente bisogno di giovani, un territorio ormai troppo vecchio, poco incline ad aggiornarsi ed al cambiamento. Giovani che amano il proprio territorio curandolo e facendo sport attraverso esso. Stiamo partecipando ad un progetto di sviluppo di attività outdoor nel territorio, specificando che in molte località, l’outdoor e la mountainbike nello specifico, sono volano turistico che ha permesso a molti paesi e borghi di non morire e diventare solo luoghi destinati a case di riposo senza nessuna attività, grazie a generazioni come quella dell’architetto che accusa, che hanno una grave responsabilità: aver allontanato i giovani da queste terre. Se la prendano tutta!
Non accettiamo per nessun motivo e rimandiamo al mittente le pesanti accuse fatteci da chi, per farsi un po' di pubblicità, attacca chi per passione e amore del territorio se ne prende cura ogni giorno gratuitamente.
Abbiamo implementato la Trail Status, disponibile sul nostro sito: www.lericibike.com, unici a farlo in zona, abbiamo un continuo e costante monitoraggio della situazione dei nostri sentieri dato dall’utilizzo e dalle segnalazioni di chi ne fruisce e poco dopo ce ne prendiamo cura ripristinandoli. Sul nostro sito e i nostri canali social facciamo continui appelli alla buona educazione di chi va in mountainbike e per la sicurezza di tutti i frequentatori delle nostre terre. La fruibilità della rete sentieristica è fondamentale per preservare il territorio dall’abbandono di rifiuti, ormai all’ordine del giorno, chissà se il signor architetto li vede oppure fa finta di nulla, dal degrado e dagli incendi boschivi ( cosa che qualche anno fa abbiamo prontamente segnalato in località monti branzi).

Il prossimo sentieri che puliremo quanto prima è il CAI AVG definito in gerco local Il Colonnello che scende da Canarbino al borgo di Pugliola, completamente chiuso e degradato dall’acqua e dall’incuria del qualunquismo dilagante solo pronto ad attaccare chi ama il proprio territorio e nulla nel tempo ha fatto per preservarlo. Vi aspettiamo nei boschi con lo zaino in spalla a darci una mano, tutti sono ben accetti.
Un ringraziamento lo facciamo anche ai cacciatori che sono gli unici oltre a noi a vivere ad amare il territorio, gli unici che incontriamo nel parco insieme a tanti turisti a due ruote e a piedi che ormai amano e apprezzano da tutto il mondo quello che facciamo e che valorizziamo. Venite a conoscerci, a conoscere lo splendido sport all’aria aperta che è la mountainbike e a fare delle belle camminate con noi nel bosco a curare i sentieri del parco e non a distruggere come afferma ignorantemente chi ci accusa. Consigliamo al signor architetto di trovarsi qualcos’altro da fare invece che attaccare la nostra Associazione con argomentazioni ridicole e venire a pulire i sentieri insieme a noi!

ASD Caprione Outdoor – Lerici Bike

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News