Città della Spezia Liguria News Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 22 Febbraio - ore 17.53

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Il sostegno spezzino ai profughi di Caporetto

di Alberto Scaramuccia

Il sostegno spezzino ai profughi di Caporetto

- Giusto fra due giorni ricorre il centenario della battaglia di Caporetto che fu anche il dodicesimo scontro sull’Isonzo. Anche i digiuni della storia sanno che quel combattimento iniziato in Slovenia e finito sul Piave, fu sconfitta tremenda perché caporetto con la minuscola è divenuto sinonimo di sconfitta rovinosa e disastro immane: quante partite degli azzurri, ahinoi, sono state chiamate caporetto!
La sconfitta con la resistenza che ne seguì, cambiò il volto della guerra che da allora divenne di tutti, anche di chi l’avversava. Il senso della pericolosità della situazione che immediatamente ogni Italiano capì, determinò un diverso atteggiamento proprio perché, a differenza di quanto era successo nel ’14 quando i fronti della guerra sembravano distanti, in quel momento il rischio dell’invasione era palpabile e si capiva che, se avessero vinto loro, tutto il Bel Paese avrebbe vissuto peggio.
Quanto alla Spezia cambiò il sentire rispetto a prima della rotta, non è facile dire perché la stampa locale che conserviamo, specchio dell’opinione pubblica, era tutta favorevole, pur da prospettive non uguali, alla guerra. Infatti, anarchici e socialisti del PSI che rappresentavano l’altra campana, non hanno un organo d’informazione locale che ci ragguagli sui loro orientamenti.
Però, di una cosa possiamo essere sicuri: gli antenati non si fecero pregare per manifestare la loro solidarietà verso quell’esodo di gente che scappava senza più niente dalle loro terre invase cercando un rifugio nelle zone lontane dal combattimento.
Di quei veneti e friulani in fuga, credo che proprio pochi siano arrivati qua: non perché respinti, ma perché impediti dalla legge che proibiva la presenza di profughi in una piazza di guerra quale la Spezia era già diventata da quattro giorni prima del 24 maggio.
Tuttavia, di una cosa siamo certi: nessuno si tirò indietro nel mettere mano al borsellino e nessuno fu accusato di avere il braccino corto. Si pensi che in un paio di mesi si mettono insieme oltre 200mila lire. In quei tragici frangenti, la Nazione in guerra era incessante nel chiedere contributi perché i soldi che non bastano mai, allora bastavano meno del solito. Si raccattavano perfino gli stracci e le ossa delle bestie macellate per poi rivenderle e raggranellare qualche soldino per la Patria, si sottoscrive per il Prestito nazionale, si offre per le famiglie dei richiamati e nessuno dimenticò mai gli orfani del Garibaldi che furono sempre figli della città.
La vita aumentava e le paghe erano misere, ma per il nord est cacciato da Casan nessuno mai tirò indietro la mano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










I SONDAGGI DI CDS

Matteo Salvini ha proposto la reintroduzione della leva obbligatoria per i giovani maschi. Tu che ne pensi?
































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News