Città della Spezia Liguria News Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 24 Febbraio - ore 17.10

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Il Principe e il piroscafo che non arrivò a Firenze

di BERT BAGARRE

Il Principe e il piroscafo che non arrivò a Firenze

- Domani è San Silvestro, dì in cui ogni anno muore. Per festeggiare la scomparsa ed auspicare tempi migliori, quasi tutta la gente di Sprugolandia scende in piazza con in tasca una bottiglia di bollicine da far evaporare quando batte il dodicesimo tocco. In giro si canta e si balla al ritmo delle varie band dislocate nei luoghi strategici. È usanza ormai diventata tradizione consolidata ma quando, non ricordo quando, la si presentò al popolo sprugolino, nessuno ricordò che questo modo di festeggiare coralmente l’arrivo dell’anno nuovo datava a molti decenni prima ché a fine Ottocento, si tenevano concerti in piazza del Teatro Civico a cura delle società musicali.

Nella festa capitano spesso episodi simpatici, divertenti, curiosi, tutti con il comun denominatore del divertimento. Il panorama umano, per quanto vario, è sempre uguale e mescola nei suoi cocktails di sentimenti, gli identici ingredienti di sempre. Per questo, le situazioni si ripetono di fatto uguali e solo spulciando accuratamente nel passato della Sprugola, è possibile individuare la nota saliente, la novità che permette di aggiungere una pennellata di nuovo alla natura morta che si dipinge. Ebbene, nel 1868 si legge una notizia che fa scuotere la testa e sorridere della felice ingenuità dello sprugolotto che la scrisse e di chi gliela pubblicò.

Pensate, siamo a centoquarantanove anni fa esatti. L’Arsenale non è ancora stato inaugurato, la cerimonia avverrà nell’agosto successivo, anche se si annuncia oramai imminente il travaso dell’acqua della prima nella seconda darsena.
In quei giorni beati, con la nave Baleno arriva sulle rive della Sprugola il Principe Amedeo di Savoia, figlio terzogenito di Re Vittorio. Da ‘ste parti l’Altezza Reale, che da lì a poco sarebbe stato anche un breve Re di Spagna, è molto amato, tanto che gli è intitolata la via principale del tempo, quella che oggi ricorda don Giovanni Minzoni.

Dunque, appena compiuto l’anno, Amedeo arriva via mare per visitare i giganteschi lavori del nostro Arsenale e poi proseguire per Firenze, l’allora Capitale. Ma, disgraziato lui, per andarci deve proseguire sulla strada ferrata. Infatti, dice chi redige l’articoletto, il Principe non può continuare col piroscafo sul quale era imbarcato perché questo sofferse dei danni alla macchina, un danno per cui la nave è costretta a interrompere il viaggio per farsi riparare qua. Ma, buon Dio, da quando in qua Firenze è sul mare? L’infortunio giornalistico è grave, ma non procura danni. Solo fa sorgere qualche sorriso che certo avrà allietato non pochi antenati sprugolotti. Buon anno a tutti noi!

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










I SONDAGGI DI CDS

Matteo Salvini ha proposto la reintroduzione della leva obbligatoria per i giovani maschi. Tu che ne pensi?
































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News