Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 29 Settembre - ore 19.18

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Dove soggiornò davvero Richard Wagner?

di Bert Bagarre

Sprugoleria
Dove soggiornò davvero Richard Wagner?

- Ma quanti visitatori di Sprugolandia sono rimasti incantati dalla sua bellezza e quanti dall’incanto delle sue località hanno tratto spunti di ispirazione!
Uno di questi fu Richard Wagner: soggiornò da ‘ste parti nel lontano 1853 e scrisse poi in una lettera alla moglie che dallo sciabordio delle onde che s’infrangevano sulla costa non lungi dall’albergo dove alloggiava, aveva tratto lo spunto per il preludio di una sua composizione.
Il grande musicista non dice, però, in quale albergo dell’antica Sprugolandia aveva dimorato.
Per primo, nel 1933 sulla prestigiosa “Rivista del Comune” ne disse Pietro Alfonso Conti, un Generale del Genio appassionato di storia locale, che sostenne che quella notte Wagner aveva dormito nella locanda Universo, un alberghetto che stava in fondo alla strada del sassone ma di cui a tutt’oggi c’è molta incertezza sull’esatta ubicazione.
Ventun anni dopo sull’identica pubblicazione interviene sull’argomento Terenzio Del Chicca, un ingegnere pure lui innamorato della storia sprugolotta dicendo che il buon Richard s’era fermato in un albergo ricavato dall’antico palazzo Doria Pamphili, quello, per intenderci, che sta all’incrocio con la via Sapri.
Come si vede due versioni totalmente diverse che hanno in comune una cosa: nessuno dei due studiosi riferisce la fonte in base alla quale giustificare la sua affermazione. Come hanno saputo dove Wagner sognò il suo preludio, non ce lo dicono. Meno male che erano storici!
Qualche mese fa, lo ricordate, vicino ad una piazzetta la cui intitolazione è passata da un antico reverendo ad un moderno santo, è stata scoperta una statua raffigurante Wagner: opera bella ma anonima ché nessuna targa diceva chi fosse il soggetto raffigurato. Così, diversi sono stati gli inviti affinché si mettesse un cartello a specificarne l’identità. Dopo più sollecitazioni, di recente ne è stato apposto uno dove sta scritto che il personaggio è Wagner che tanti anni fa soggiornò a Sprugolandia nella locanda Universo: si accetta, cioè, l’ipotesi Conti.
Ora io immagino il turista o anche lo sprugolotto smanioso di conoscere le cose di casa sua, che legge quella targa nello slargo del santo e poi, dopo nemmeno cento metri, se ne imbatte in un’altra molto più lussuosa che spiega che il musicista aveva dormito in tutt’altra parte.
È anche vero che non si può pretendere molto quando si legge che una tesi è sostenuta perché me l’ha detto un mio amico che gliel’aveva detto sua nonna (incredibile ma vero), ma per una landa che fra le sue ambizioni ha quella di poter essere capitale della cultura, occorrerebbe maggiore attenzione.

BERT BAGARRE

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News