Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 17 Agosto - ore 23.40

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Da Bandecchi ai Boschetti, l'ultimo passo è breve

di Alberto Scaramuccia

Da Bandecchi ai Boschetti, l´ultimo passo è breve

- Se nella Spezia di una volta andare da Pincetti significava che si finiva in gattabuia, chi andava da Bandecchi faceva ormai parte del mondo dei più. L’uno, custode delle carceri, aveva dato il nome alle prigioni cittadine, l’altro aveva diretto il cimitero: non però dell'attuale ai Boschetti, bensì del precedente che stava dove in anni più vicini a noi si fece il cinema più moderno della città: l'Astra, la sala che travolta dai nuovi divertimenti è stata trasformata, dopo lunga inattività, in supermercato.
Il Camposanto si fece lì per essere distante dalle mura il cui tratto più vicino scendeva dal castello fino a via Cavallotti. La nuova location la impose l'editto di Saint Cloud con cui Napoleone trasferì i cimiteri al di fuori delle città.
Però, quando la città cresce, se ne deve fare uno nuovo e si vagliano le possibilità. Così, nell'estate del 1866 il Consiglio Comunale verifica se fare il Camposanto a Vappa. Tuttavia, su suggerimento dei tecnici e della Commissione Sanitaria ed Artistica, l'idea è presto abbandonata: la natura argillosa del terreno e “la ventilazione dominante” sconsigliano di battere quella strada. Lo si delibera domenica 22 luglio: allora gli amministratori civici non si fermavano davanti alla festività.
Intanto, però, si era seppellito dovunque possibile.
L'8 giugno 1912 si eseguono lavori di sterro per le fognature fra le vie Chiodo e Persio e gli operai rinvengono resti umani. Interviene la penna di Ubaldo Mazzini che, ricordando come già s'erano trovate delle ossa poco distante nell'agosto del 1906, spiega che le misere spoglie erano di soldati, e delle loro famiglie, di un reggimento asburgico. Cacciato il 5 dicembre 1746 da Genova nell’insurrezione del Balilla, il reparto era riparato alla Spezia. Erano più di 1100 fra fanti e cavalieri; non pochi avevano con sé moglie e figli. Per un inspiegabile motivo scoppia un'epidemia non meglio precisata che miete vittime su vittime: muoiono come mosche. Dapprima, si seppelliscono sotto il sagrato di Santa Maria, poi, quando non c'è più spazio, si decide di inumare i Tedeschi fuori della porta del Carmine, nell'area compresa fra i canali di Piazza e del Fosso, i due rivi che scendevano lungo il braccio occidentale delle mura, dove oggi corre via Colombo. Mazzini dice di aver contato 99 seppelliti nei libri di Santa Maria fra soldati, donne, condannati a morte e bambini, fra cui una piccola di soli 10 mesi. L'ultimo, uno svizzero, è sepolto il 28 marzo 1747 e l'operazione impegna così tanto le casse del Comune che per fra fronte alle spese si deve impegnare l'argento di Santa Maria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure