Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 16 Agosto - ore 21.15

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Cozzani e Ceccardi, la strana coppia a sostegno della Patria

di Alberto Scaramuccia

Cozzani e Ceccardi, la strana coppia a sostegno della Patria

- Cento anni fa di ‘sti tempi si fa molta propaganda ché si sottoscriva il prestito per sostenere la Patria in guerra. Per far capire che è cosa giusta e da sostenersi con qualsiasi sacrificio, intervengono i pezzi grossi della cultura cittadina: Ettore Cozzani e Ceccardo Roccatagliata Ceccardi. Li chiama l’Università Popolare, un’istituzione che da anni si prodiga per la cultura spezzina. I due ripagano la fiducia e riempiono la sala dell’enorme teatro Ambrosio di via Di Monale: è folla che ascolta e applaude.
Gli oratori, ideologicamente assai distanti (nazionalista uno, socialista interventista l’altro) portano da due rivi diversi molta acqua al grande fiume della necessità del prestito. Che a parlare si chiamino due oratori così disuguali, prova la divisione che correva nella cittadinanza: per conseguire lo scopo servono due campane che suonino identica musica con rintocchi differenti per attirare spettatori di ogni tipo.
Cozzani è più pratico. Consapevole che la gente vive male, lancia la parola d’ordine “consumare meno e produrre di più”, specie in agricoltura: che ogni donna coltivi dove può verdure da portare sulle tavole ed ogni famiglia allevi conigli e volatili per procurarsi carne senza ricorrere al mercato nazionale che deve pensare a chi è al fronte. Cozzani vede il fulcro della manovra nella donna che resta casalinga, ma con importanza moltiplicata dalla durezza del tempo.
Ceccardo è più sognatore ma, siccome allora non si poteva fantasticare neppure ad occhi aperti, ripara nella storia. L’intervento (s’intitola “Da Orsini a Oberdan”) ha come protagonista il patriota triestino, ma con tanti altri personaggi che, da Mazzini alla madre dei fratelli Bandiera, seppur sfumati, accompagnano chi s’era sacrificato per la Patria.
Si sparge retorica a piene mani, ma si convince il pubblico.
Il giornale anarchico, accusando Cozzani di imporre il digiuno a chi non ha nulla da mettere sotto i denti, lo sbeffeggia chiamandolo Fregoli. La testata libertaria non manca di retorica, ma è anche vero che l’Ettore se l’era andata a cercare con quel “consumate meno” rivolto a chi tirava la cinghia a più non posso. Però, sulle colonne libertarie non trovi una parola contro Ceccardo: perché, pur interventista, era un compagno socialista con cui si sarebbe potuto fare la rivoluzione, o perché invece parlava di miti radicati nell’immaginario popolare e forse anche nelle menti di chi scriveva?
A Cozzani danno del Fregoli, ma non penso vogliano accusarlo di trasformismo. L’artista s’era appena esibito al Politeama; avranno voluto solo dire che l’Ettore era un guitto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure