Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 23 Agosto - ore 21.30

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Cinque bombe dal cielo, il battesimo del fuoco

di Alberto Scaramuccia

Cinque bombe dal cielo, il battesimo del fuoco

- Dopo il drammatico incidente di Pagliari, la Spezia s’interroga su quanto siano adeguate le misure di protezione predisposte dall’Autorità militare: 281 vittime, senza contare i danni materiali, non sono certo uno scherzo. Tuttavia, mentre si riflette sulla sicurezza del Golfo, un altro episodio altrettanto grave viene a turbare i sonni, e la tranquillità, degli Spezzini.
Succede che i nostri cieli vengono inopinatamente violati da un’incursione aerea. Martedì 11 luglio un aereo austriaco, anche se è costretto a volare altissimo per evitare i colpi della contraerea, scarica esplosivi sulla città. Sono cinque bombe che non fanno danni, ma causano sei morti, un numero tutto sommato contenuto al di là del lutto che non può ovviamente non coinvolgere l’intera città che partecipa ancora in massa alle esequie che si tengono nella chiesa di Sant’Antonio: "i sei feretri passarono per Corso Cavour, via Chiodo e viale Mazzini tra due siepi di folla commossa".
Il sentimento che è corale ed accomuna al dolore la cognizione del pericolo cui si è esposti, è bene espresso dal Sindaco Piola che in un manifesto prontamente affisso attacca la "meditata aggressione del nemico" che ha costituito per la città "il battesimo del fuoco".
Ecco il punto: gli antenati pensavano di essere distanti dalla linea della battaglia, ora invece si scoprono bersagli come chi sta in trincea, vulnerabili ché la protezione s’è dimostrata inefficace. Oltretutto, la censura che tarpa le notizie, amplifica con il silenzio la grande preoccupazione. Del fatto si sa ufficialmente solo undici giorni dopo quando una succinta nota della Stefani, l’agenzia autorizzata, smentisce che il velivolo fosse arrivato dal mare, ma di fatto non fornisce più precise informazioni. Si fanno anche due rapidi conti: la base di partenza è Riva del Garda o Rovereto, 220 km. in linea d’aria, un viaggetto di 4 ore andata e ritorno: ci beccano come vogliono.
Per questo il Sindaco va a Roma accompagnato dall’Assessore anziano avvocato Barabino, per conferire con il Presidente del Consiglio Paolo Boselli appena subentrato a Salandra.
Come ovvio, i nostri vengono pienamente assicurati che alla sicurezza del Golfo si dedica la più grande attenzione, ma questo è un impegno di quelli che non mancano mai perché le parole non costano nulla.
Aerei con intenzioni ostili sul cielo della Spezia non se ne vedranno più, almeno per questa guerra. Sono, però, convinto che la loro assenza che a nessuno fece dispiacere, dipese da problemi del nemico, non dalla paura che questi nutriva per lo sbarramento aereo messo in atto sul Golfo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure