Città della Spezia Liguria News Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 24 Febbraio - ore 09.00

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Bornia a Cenerini: "Governate e lasciate in pace etica e morale"

Bornia a Cenerini: "Governate e lasciate in pace etica e morale"

- “Non vorrei, ma non posso”…recitava una vecchia canzone popolare Italiana. Ed io ugualmente non posso non rispondere al consigliare, nonché capogruppo della lista Toti FI Cenerini, in merito alle sue dichiarazioni uscite sulla stampa a proposito dei migranti e della “Rivolta” avvenuta alla Cittadella dove la Caritas gestisce un centro di accoglienza in questi giorni.
Intanto, schematicamente, vorrei informare il consigliere Cenerini che il militare non lo ha fatto soltanto lui, con le conseguenti limitazioni e disagi che la vita di caserma comporta, anche alimentari, (il sottoscritto ha mangiato spesso nella gavetta e a qualsiasi orario, soprattutto durante i campi di addestramento e posso serenamente assicurare al consigliere che alla Brigata Folgore non avevamo nessun privilegio in più rispetto ai Carabinieri, anzi…) ma andiamo oltre, la protesta, che come ha spiegato bene il responsabile della Caritas Don Palei, non riguardava esclusivamente l’orario di somministrazione dei pasti (Cena alle 18,30) ma la chiusura di un accesso alla struttura e altre questioni, fra l’altro tutte risolte con tanto di messaggio di scuse da parte di persone che indubbiamente sono costrette ad una convivenza forzata con altre etnie e con altre culture ( si tende a generalizzare con la parola richiedente asilo o profugo tutte le persone accolte, ma la realtà ci dice che un Siriano non è vicino culturalmente ad un Nigeriano o un Bengalese ad un Somalo, ecc.) Quindi la situazione è più complessa di quello che sembra. Tale situazione non è voluta dalla sinistra, il ministro Minniti non è andato in Nord Africa ad invitare le persone a venire nel nostro paese, come teorizza Cenerini, come non lo fece a suo tempo il ministro del governo Berlusconi nelle varie ondate di profughi che negli anni abbiamo avuto, (Albanesi, Rumeni, Afgani, ecc.) il governo, qualsiasi governo in carica, si deve attenere a quelli che sono i trattati internazionali ed Europei sull’accoglienza, non può ricacciare in mare chi tenta di sbarcare sulle nostre coste. Che servano nuove misure di aiuti, magari organizzati nei paesi del Nord Africa e in Libia in particolare, mi sembra evidente e in tal senso si sta muovendo il governo.
Sul fatto che chi è già qui in attesa di sapere se ha o meno i requisiti di richiedente asilo, vorrei dire al consigliere che non è automaticamente un delinquente e di conseguenza può “girare liberamente in bicicletta ad ogni ora del giorno e della notte…” io aggiungerei come qualsiasi persona Italiana o straniera, compresi i turisti di ogni parte del mondo “Che non sappiamo Chi siano o cosa abbiano fatto” ma che ospitiamo sempre più spesso nei BeB e negli affittacamere in città e non mi risulta si chieda loro il certificato lavorativo e la fedina penale…
“Sull’arroganza, l’ignoranza e ingratitudine dei richiedenti asilo”, come il consigliere ha dichiarato, non soltanto lo ritengo offensivo e fuori luogo, ma non corrispondente alla verità, fra di loro ci sono persone istruite e addirittura laureate, che parlano correttamente molte lingue e con professionalità importanti, certo, non tutti, ma quanti di noi se costretto a riparare nei paesi Arabi o Africani avrebbe dimestichezza con la loro lingua, i loro mestieri e la loro cultura? Per quello che riguarda i nostri pensionati, mi chiedo che cosa c’entri metterli sullo stesso piano dei richiedenti asilo, se il tentativo era quello di impietosire il lettore allora Cenerini si è dimenticato di molte altre categorie di persone Italiane che andrebbero aiutate meglio di come lo sono adesso, ma anche di qualche anno fa, quando al governo c’era ( e c’è stato per quasi 20 anni Berlusconi) vale a dire i Disabili gravi e le loro famiglie, i dipendenti che perdono il lavoro, i giovani disoccupati, ecc. la lista sarebbe lunga, ma che senso ha mettere queste categorie in conflitto con le persone che fuggono dalle guerre, dalle carestie o semplicemente intravedono la possibilità di dare ai propri figli un futuro migliore, né più né meno dei nostri nonni emigrati in America, Francia, Australia ecc. e non mi si venga a dire che “Loro andavano a lavorare” mentre questi delinquono, perché Al Capone o Laky Luciano non erano Senegalesi, ma di patria etnia…
In quanto poi alle responsabilità del Comune sull’accoglienza, e “alla voce in capitolo” convengo anch’io che siano limitate quando inesistenti, ma non mi sembra siano state utilizzate queste parole in campagna elettorale, anzi, quel “ molti cittadini credo non sappiano” è tornato utile per scagliarsi contro l’amministrazione uscente incolpandola di voler accogliere troppo senza preoccuparsi di informarli che già si stava portando avanti la teoria di ospitare “donne, vecchi e bambini…”
La campagna elettorale è finita Cenerini, avete vinto, anche puntando su questo argomento, governate, ma lasciate stare l’etica e la morale, a volte il silenzio è migliore di molte parole vuote!

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










I SONDAGGI DI CDS

Matteo Salvini ha proposto la reintroduzione della leva obbligatoria per i giovani maschi. Tu che ne pensi?
































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News