Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 23 Marzo - ore 23.55

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Arbasetti e Casagrande: "Saturnia resta un pericolo"

Arbasetti e Casagrande: `Saturnia resta un pericolo`

- Il buco di Saturnia,dopo essere stato lo scorso anno oggetto di una inchiesta pubblica e di una audizione in commissione ambiente del Consiglio Regionale è ora sottoposta ad ulteriori verifiche sulla prevenzione e sicurezza,anche alla luce delle parole del Geologo che la ritiene pericolosa anche dal punto di vista di eventuali frane(la casa più vicina si trova a 92 metri),per verificare la validità delle proposte contenute nel progetto di Acam che vuole di fatto usarla come discarica di servizio legata allo smaltimento dei rifiuti.

Queste ulteriori verifiche sono state richieste dalla Regione al fine di capire se esiste il pericolo e che cosa si voglia fare di Saturnia. Resta inteso che per quello che ci riguarda siamo oggi,come lo eravamo ieri,contrari alla riapertura dell’ennesima discarica di servizio nelle colline del levante che sono già deturpate e piene di buche come una gruviera(ma certo non così appetibili)e piene di discariche cresciute come funghi dal 1976 ad oggi.

Speravamo che la questione fosse finita,che non avremmo più sentito parlare di nuove discariche anche per gli accordi che il comune aveva preso (ricordate Federici:NON PIU’ DISCARICHE NEL LEVANTE) ed invece si sono fatte carte false per eliminare il SIN e trasformarlo in SIR e con l’unico scopo di avere le mani libere per salvare Acam dal disastro in cui era stata gettata.

Anche un'altra promessa mi torna a mente e risale agli anni in cui Rosaia era sindaco e ci chiamò in comune,era sera e ci disse che era necessario che noi gli permettessimo di aprire una discarica,MONTE MONTADA per 8 mesi,ci garantì,(rimase aperta 3 anni e mezzo) e se gli avessimo permesso di farlo avrebbe fatto di Pagliari un GIARDINO.

Eravamo nel 1993,la discarica fu aperta anche se fu chiamata SITO DI STOCCAGGIO PROVVISORIO PERMANENTE,crea tuttora problemi ma Pagliari continua ad essere la schifezza che era,piena di problemi e sempre in prima fila per disastri ambientali.

Ed ora eccoci di nuovo con Saturnia,ecco un nuovo ciclo di conferimenti(7 anni)con una veste o con l’altre ma sempre con gran apprensione e preoccupazione dei cittadini del levante e degli abitanti di Pagliari che sono i più danneggiati.

Tutto questo senza aver provveduto ad una sola bonifica fatta in una delle 14 discariche che ci sovrastano ed è per questo che attendiamo con somma preoccupazione l’esito delle nuove caratterizzazioni e quindi le decisioni della Regione Liguria responsabile dell’EX SIN di Pitelli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure