Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 19 Agosto - ore 23.06

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Viale Italia sarà ingestibile, colpa di un progetto senza capo nè coda"

`Viale Italia sarà ingestibile, colpa di un progetto senza capo nè coda`

- Come volevasi dimostrare i nodi arrivano al pettine: leggiamo sui giornali che da lunedì gli autobus verranno dirottati su Viale Italia. Così ad oltre tre anni dall’inizio lavori di questo cantiere perenne, con vistosi errori sia sotto l’aspetto della progettazione, della consistenza ed idoneità dei materiali utilizzati, sbriciolatisi nel giro di qualche mese sotto il peso dei mezzi pubblici, che sotto l’aspetto della sicurezza pubblica avendo dovuto rimediare con transenne posticce, che danno un’immagine di “efficienza” al flusso dei croceristi, oltre ai disagi arrecati ai residenti, agli studenti e docenti degli istituti scolastici, oltre al danno economico prodotto alle attività commerciali, ormai isolate dal resto della città, con la chiusura indotta di esercizi commerciali nel “salotto buono”, oltre ai danni prodotti al quartiere del Torretto, sotto l’aspetto della viabilità, sicurezza stradale, inquinamento acustico e sporcizia, ormai non più pedonalizzato essendo divenuto necessariamente parcheggio di macchine per residenti, registriamo l’ennesimo disagio alla collettività: il trasferimento delle fermate degli autobus in viale Italia, con l’enorme disagio arrecato soprattutto agli
anziani, l’inevitabile intasamento di viale Italia, che diverrà l’unica direttrice percorribile e il conseguente ulteriore danno agli esercizi commerciali che perderanno clienti ormai impossibilitati a raggiungere il centro.

Pensiamo che una collezione di errori in serie fosse difficile da realizzare e non siamo ancora arrivati alla realizzazione finale di questa "opera". Di fronte a questa sequela di orrori, l’assessore Mori ritiene importante rimarcare che “chi ha sbagliato i lavori dovrà rifarli di tasca propria”: bene. E di tutti gli altri orrori chi pagherà? Sottolineiamo per l’ennesima volta che tutti questi problemi erano stati puntualmente evidenziati dal comitato Piazza Verdi e dalle associazioni ambientaliste, tanto vituperate, ancor prima che iniziassero i lavori, con una seria di incontri pubblici a cui l’amministrazione comunale si è sempre sottratta, tacciando tali grida di allarme di disfattismo e incompetenza, ma a distanza di tre anni dall’inizio lavori è sotto gli occhi di tutti la totale incompetenza di chi pervicacemente ha voluto a tutti i costi realizzare questa “opera”. Chi pagherà, dicevamo? Cominciamo con il chiedere le dimissioni dell’Assessore Mori, il quale quando venivano segnalati tali problematiche, faceva spallucce come se la denuncia di tali problemi non lo riguardassero. Quanto al sindaco Federici, pensiamo ormai che l’indifferenza verso la sua persona sia la miglior moneta con cui ripagarlo, per fortuna ci avviamo verso la fine del suo mandato amministrativo, di cui non resteranno che macerie, ma che porteranno in calce la sua firma a futura memoria.

Il coordinamento provinciale
Sinistra Dei Valori

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure