Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 18 Settembre - ore 22.58

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Una pista ciclabile imposta, senza consultare i residenti"

Si torna a parlare dell'infrastruttura che dovrebbe collegare tutti i quartieri del levante, sul solco di quella pre-esistente: "Il progetto dov'è?".

i timori degli abitanti
"Una pista ciclabile imposta, senza consultare i residenti"

- Cose fuori da una cultura democratica e partecipativa la giunta comunale ed il suo Sindaco si inventano una pista ciclabile davanti ai quartieri del levante, rispolverando un vecchio progetto Canaletto, Fossamastra, Pagliari, San Bartolomeo etc. ma con una variante fondamentale e negativa, ovvero senza ascoltare i cittadini dei quartieri che vivono in quel territorio e su quella costa in cui, nel tratto precedente, si erano invece consultati i cittadini delle parti già fatte (e peraltro mal riuscite). Ancora una volta i cittadini sono stati delusi per le scelte future della città che come sempre saranno fatte senza il loro intervento con una ricaduta verticale peggiore delle altre, comunicata senza la presentazione
di un progetto e facendo pensare ai cittadini che anche gli altri 47 pini rimasti nel viale corrono il rischio di essere sacrificati e per che cosa poi.

Per eliminare delle piante quasi centenarie che i cittadini non vogliono siano tagliate come erano perplessi per quelle tagliate a Fossamastra, tutti noi pensiamo che il fatto non sia altro che una boutade elettorale per le ormai prossime elezioni regionali ma che dovrebbero tenere a mente che i cittadini non amano il loro contegno decisionista fatto di sotterfugi e sorprese. Devono ricordarsi che più deludono i cittadini meno gli stessi tollereranno i loro comportamenti.
Già sono infuriati per la mancata costruzione dell’ospedale, primo progetto da attuare, e per i lavori eseguiti in malo modo e quindi da rifare, per non essersi mai curati della salute dei cittadini lasciando che il porto, come l’Enel e le discariche inquinassero acusticamente il terreno e l’aria dei quartieri limitrofi, che dopo dieci e più anni abbiano finalmente deciso di fare le fognature ma nello stesso momento insieme a quelle mille ed altri lavori che rendono impossibile la circolazione. Da noi non avranno certo gli auguri per un buon esito della tornata elettorale perché ch stanno deludendo troppo.

Rita Casagrande e Franco Arbasetti
Quartieri del Levante

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News