Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 21 Agosto - ore 21.30

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Un conto è chi non può pagare perché non ne ha, un conto chi si approfitta della buonafede"

A Riccò del Golfo tiene banco il caso 'buoni pasto' degli studenti a seguito della polemica scatenata dalla missiva di sollecito alle famiglie.

`Un conto è chi non può pagare perché non ne ha, un conto chi si approfitta della buonafede`

- Gentile redazione,
dall'insediamento della mia giunta, quasi due anni fa, ho preso atto di come la riscossione per la refezione scolastica non fosse efficace. Grazie alla buona volontà dell'ottimo personale, il mio assessore alle Politiche Sociali Sara Banti ha apportato alcune modifiche, reintroducendo da subito il tradizionale "buono pasto" al fine di facilitare e garantire una maggiore regolarità e verificabilità dei pagamenti, che soprattutto nelle nostre condizioni finanziarie, al netto dei dolorosi tagli dello Stato, è indispensabile per l'erogazione del servizio mensa.

Io parto da un assunto morale nel quale credo molto: se un genitore non riesce a partecipare alla spesa per il pasto dei propri figli, esiste un disagio sociale, che deve essere accompagnato con delicatezza e tanto rispetto. Ci siamo, siamo in ascolto del bisogno e siamo disponibili a prender per mano le famiglie fuori dalle difficoltà. Se invece si ritiene di approfittarsi della buona fede dei più, è giusto porre rimedio con realismo e fermezza! Non ambisco alla popolarità generata da piccole o grandi connivenze.

Da due anni ci si sta impegnando per limitare questo malcostume: tutti coloro che hanno deciso di non pagare - pur avendo usufruito regolarmente della mensa - non accederanno più al servizio, dovranno necessariamente saldare il pregresso ed in assenza del regolare buono giornaliero saranno tenuti a dotare i propri figli di pranzo al sacco da consumarsi comunque in refettorio insieme agli altri compagni di scuola. Si precisa inoltre che l'amministrazione comunale non fa leva sui bambini per costringere gli adulti a cedere, ma ritiene di dover difendere questi ultimi da genitori che li usa per garantirsi piccole ma costanti impunità. Non dimentichiamolo: il momento dedicato al cibo è didattica, pagare quanto si consuma è una importante lezione di educazione civica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure