Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 26 Luglio - ore 16.23

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Trasporto pubblico continui a passare da Piazza Verdi, magari depotenziato"

Fra chi la vorrebbe completamente pedonale e chi si pone il problema per gli studenti in uscita da scuola. Piazza Verdi fa discutere sempre, anche dopo la conclusione dei lavori. Vota il sondaggio: meglio completamente pedonale?

`Trasporto pubblico continui a passare da Piazza Verdi, magari depotenziato`

- Ora è che finalmente finita dopo tre anni e mezzo di peripezie, ora che inizia ad entrare nella quotidianità degli spezzini e che il giudizio su essa può emergere un po più sedimentato, emerge la questione probabilmente più significativa sulla discussa Piazza Verdi. Ha senso che contempli ancora il traffico del servizio pubblico o è bene accelerare il processo di completa di pedonalizzazione che fin dall'inizio era nelle corde dell'amministrazione comunale secondo un percorso pluriennale e in attesa del completamento del terzo lotto? Lo abbiamo chiesto agli spezzini attraverso il nostro sondaggio che, a giudicare dai primissimi riscontri di partecipazione, sembra aver colpito l'attenzione dei lettori: meglio dunque una piazza totalmente consegnata ai pedoni, liberi di muoversi all'interno in tutti gli angoli possibili oppure è il caso di garantire un servizio pubblico alle scuole e alle utenze? Cds ha preso in considerazione anche una terza ipotesi, l'ibrido che potrebbe essere un compromesso fra tutte le esigenze: pensare cioè che soltanto i filobus possono entrare in piazza, dislocando su viale Italia il resto del trasporto pubblico. Opzioni che comunque trovano ancora una volta la città divisa fin dai primi commenti, arrivati in redazione e registrati nella stessa pagina Fb.

Sindacati contro, ma i cittadini?. Le sigle confederali nella mattinata di ieri hanno voluto significare il proprio dissenso dalla possibilità di escludere il servizio pubblico dalla piazza. E i lettori che ne pensano? Sulla pagina Fb, il cittadino Massimo Calderari scrive: "Chiudere ai bus significa eliminare anche le fermate di via Chiodo che sono le piu' utilizzate; se vogliamo ragionare di spostare qualche linea minore su Viale Italia bene, .ma pensare di togliere dal centro linee come l'1 o il 3 è una follia: morirebbe tutto il commercio. Per anni ci hanno detto di non prendere l'auto per venire in centro, ma utilizzare il mezzo pubblico....ora vogliono togliere il mezzo pubblico dal centro...ma scherziamo?". Anche Mario che ci scrive alla mail redazionale si focalizza su questo aspetto: "Riguardo la questione posta nel vostro sondaggio, penso che il servizio pubblico di Atc debba essere garantito transitando per il centro urbano e quindi piazza Verdi.. .diversamente rischia di morire pure via Chiodo. Basta garantire la sicurezza per i pedoni tramite attraversamenti pedonali obbligati e velocità di transito dei mezzi ridotta". Massimo Bini, come altri, invece la vorrebbe solo pedonale: "Sarebbe la sua consacrazione, la piazza è pensata per essere vissuta con calma, senza la frenesia imposta dai mezzi a motore. Anche se mi rendo conto del problema viabilisitco in una città stretta fra mare e monti. "Io davvero mi chiedo - dice Francesca Scaramuccia su Fb - se chi è a favore di piazza Verdi pedonale abbia mai preso un bus in questa città. Farli passare tutti da Viale Italia significa congestionare il traffico se non addirittura bloccarlo, specialmente d'estate. I mezzi accumulerebbero ritardi spaventosi anche senza fermate, figuriamoci con. Ma le fermate servirebbero assolutamente, perché non dimentichiamo che su piazza Verdi si affacciano ben cinque scuole: esattamente dove dovrebbero andare le orde di ragazzini a prendere l'autobus ? Mi sembra una follia". "Filobus sì, autobus extraurbani sicuramente no - aggiunge Federico Borniotto -, altre linee urbane sono da valutare. Comunque già togliendo gli extraurbani, magari riprendendo l'idea di due capolinea distinti, uno a Levante - per esempio Kennedy - ed uno a Ponente - per esempio Fs centrale - evitando l'inutile attraversamento del centro, sarebbe un bel guadagno in termini di traffico e soprattutto di "ingombro" visivo. I filobus secondo me invece ci stanno bene". Favorevole al passaggio dei bus in piazza anche Fabio Di Benedetto "mantenendo solo le linee urbane importanti e solo con mezzi elettrici, mettendo dei blocchi mobili (sbarre o pilastri) per evitare qualsivoglia intromissione di altre tipologie di veicoli: va migliorata assolutamente la sicurezza perché così la piazza è pericolosissima. Ci vorrebbero dei segnali luminosi chiari e visibili (strisce a led verdi o rosse) e velocità max di 10 km/h". Tiziana Mercurio è sicura: "Chi non prende i mezzi pubblici poco ne sa del disagio che si crea per noi utenti ogni volta che gli autobus passano da Viale italia. A parte i ritardi, vi vorrei ricordare che da via XX settembre a Viale Amendola non ci sono fermate intermedie. È assurdo che a Migliarina e Mazzetta ci siano fermate ogni 100 metri e che invece, proprio in centro, le distanze diventino smisurate". Continuate a votare e commentare sia su Fb che attraverso l'email redazione@cittadellaspezia.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure