Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 17 Agosto - ore 09.33

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Sputi all'arbitro emulati dai bambini, poi non lamentatevi se non ci sono le famiglie allo stadio..."

`Sputi all´arbitro emulati dai bambini, poi non lamentatevi se non ci sono le famiglie allo stadio...`

- Buonasera, scrivo a voi perché so che siete letti dalla maggior parte dei tifosi spezzini e ho qualcosa da dire. Oggi ero presente allo stadio per la semifinale del Torneo di Viareggio e ho assistito ad una di quelle scene che ti rimangono impresse nella mente come una fotografia. Mi riferisco al secondo tempo dove, a seguito di un presunto errore arbitrale, due uomini sono scesi sino alla balconata della tribuna laterale andando a lanciare sputi verso il direttore di gara. Fin qui, ahimè, nulla di nuovo, gli stadi italiani sono il nido degli incivili.

La cosa sconvolgente, però, è che al loro seguito due bambini li hanno emulati. Immaginatevi la scena, una lezione di volgarità, un inno alla villania. Un momento di tale pochezza che ha sconvolto me e non solo. Chi ha provato a far notare quale scempio stessero mostrando è stata una ragazza. Una ragazza con la sciarpa della Juventus al collo. Sapete quale è stata la reazione di chi vi si sedeva accanto? Non è stata appoggiata, non è stata rincuorata per aver fatto un bel gesto, coraggioso e dovuto. E' stata minacciata. Insultata. Aggredita. Accecati non dal contenuto del suo messaggio, ma dall'appartenenza sportiva del mittente.

Solo gli steward sono riusciti a calmare gli animi prima che la situazione generasse. Questo è ciò che troviamo allo stadio. Se questo genere di clima purtroppo siamo abituati a viverlo ogni settimana, diventa assurdo pensare di trovarlo ancora una volta in una partita tra ragazzi. "Fanti" appena maggiorenni, se non minorenni, circondati non da un clima di festa, ma da un'atmosfera di surreale e incomprensibile guerriglia. Ho visto persone augurare le peggiori cose ai giocatori avversari senza rendersi conto che potevano tranquillamente essere loro figli. Sentire lo speaker invitare gli spettatori ad evitare cori razzisti durante un evento simile fa piangere il cuore.

Il calcio non migliorerà mai fintanto che le persone si comporteranno così. Questo non vuole essere un tentativo di smuovere le coscienze dei destinatari di questo messaggio perché è ipocrita e utopistico solo pensarlo. Non lamentiamoci se non vediamo i bambini e le famiglie allo stadio. Dovremmo solo che esserne felici, è la più grande fortuna che possa loro mai capitare.

Un amaro e ferito tifoso aquilotto.

N.B.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure