Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 25 Novembre - ore 22.21

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Se l'importanza degli articoli della Costituzione si misura dalla loro posizione"

"Se l'importanza degli articoli della Costituzione si misura dalla loro posizione"

- All'Assemblea Costituente i Comunisti volevano scrivere, all'art. 1, che l'Italia era una repubblica democratica "fondata sui lavoratori". I Liberali di Lucifero replicarono che è cittadino elettore anche chi non lavora. Fu Fanfani a trovare la soluzione: "L'Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro", quello del dipendente privato o pubblico, dell'imprenditore, del lavoratore autonomo...Ci pensarono i Costituenti stessi a specificare che ha uguale dignità anche chi non lavora, che è compito dello Stato favorire le occasioni di lavoro per chi non lo ha e garantire un'esistenza dignitosa a chi non è in grado di averlo.
Ma Fanfani - accidenti! - nel 1946 era molto giovane, aveva 38 anni, quanti ne hanno oggi Mahamood e Sfera Ebbasta oppure come i parlamentari Giarrusso dei 5stelle e Stefani della Lega.
Figuriamoci se Fanfani pensò - anche solo per un momento - di battersi perché all'art. 1 della Costituzione di scrivesse "L'Italia è una repubblica democratica fondata sulla salute"!
Macché. Lasciò che chi se ne occupava alla fine scrivesse che "La salute è un  fondamentale diritto dell'individuo e interesse della comunità" (una svagata formuletta che dice e non dice) e soprattutto colpevolmente consentì che la norma fosse collocata nel 'sottoscala', negli 'scantinati' del corpus della Costituzione, insieme ad altre cianfrusaglie come le libertà fondamentali, individuali e collettive, e la famiglia.
Non sapeva infatti il prof. Fanfani, storico dell'economia di fama internazionale, che 74 anni dopo un suo illustre collega, il dottor Claudio Borghi, laureato alle serali, dirigente bancario e docente universitario a contratto (cioè senza concorso) in Economia degli intermediari finanziari, avrebbe irrefutabilmente stabilito che l'importanza degli articoli della Costituzione si misura dalla loro posizione in graduatoria, per cui - per esempio -  l'art. 12, che stabilisce i colori della bandiera, è più importante dell' art. 13, che si attarda nel dichiarare che la libertà individuale è inviolabile, e l'art. 6, che tutela le minoranze linguistiche, conta assai di più dell'art. 21 che garantisce la libertà di pensiero, e così via...
E soprattutto giammai i liguri Paolo Emilio Taviani, padre costituente, tre lauree di cui una alla Normale di Pisa, Roberto Lucifredi, professore universitario e rettore della Luiss e Lorenzo Aquarone, ordinario di diritto amministrativo e preside di giurisprudenza a Genova, giammai avrebbero immaginato che un giorno il presidente della loro amata Liguria, un 'foresto' frontman di telegiornali, avrebbe sposato - mettendo in fila le priorità del suo governo regionale - le rivoluzionarie teorie del dottor Borghi. Del resto ogni stagione politica, ogni coalizione politica ha i costituzionalisti e gli economisti che si merita...

Paolo Bufano, avvocato      

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News