Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 21 Novembre - ore 18.06

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Più voti ai candidati sindaco che alle liste, non si dà più credito ai partiti ma alle persone"

`Più voti ai candidati sindaco che alle liste, non si dà più credito ai partiti ma alle persone`

- Guardando i dati numerici delle elezioni comunali di ieri (sono consultabili alla pagina http://www.cittadellaspezia.com/amministrative_laspezia_2017.aspx) vengono spontanee tre osservazioni.
Innanzitutto, ciascun candidato sindaco ha riscosso più voti delle liste che lo sostenevano, eccetto, ovviamente, per chi contava su una sola lista. In questa classifica Forcieri è al top con un +867 voti rispetto alle due liste a lui collegate. Peracchini ha un +278; Manfredini è a +143; il +180 di Melley è quasi come il +173 di Ruggia. Guerri è addirittura a +316. Come si spiega questa discordanza fra cifra del candidato e voti riportati dalle liste, che nel caso, ad esempio, di Forcieri supera il 23% fra voti alla persona e voti alle liste? Può certo concorrere la limitata conoscenza delle norme. Penso che non tutti fossero consapevoli che la croce sul candidato non rimbalza sulle liste. Ma sono parimenti convinto che il gap fra voto personale e voto alle liste sia determinato dal fatto che l’elettore non dia più credito ai partiti preferendo consegnare la sua fiducia nelle mani della persona. Ciò fa evidentemente ripensare a ruolo, funzione, compiti delle organizzazioni politiche in quest’epoca che non conosce più, e non da ieri, il collante di grandi idealità. Oggi non mancano le ideologie, ma in una società segmentata fino alla frammentazione fa difetto lo spirito unitaristico che coagulava nel simbolo riconosciuto elemento comune ed accomunante. Ciò vale in specie per una città come la nostra che è in un regresso che pare inarrestabile: nelle comunali del 2012 i votanti erano 77251: 1333 in meno in 5 anni, in media 266 all’anno, un abbondante -1,7 percentuale.
Gli astenuti sono stati 33.897, pari al 44,65 %. Saranno stati tutto malati gravi, impossibilitati a muoversi o ha concorso altra motivazione? Pare risposta scontata. Se poi agli astenuti aggiungiamo le 1.573 schede non valide, raggiungiamo il 46,72%. Le persone sono lontane dalla politica che non le chiama a partecipare alle scelte della cosa pubblica. Non si può bussare alla porta della gente solo quando le si deve chiedere il voto. Ricevo spesso richieste di amicizia su Facebook; non dico quanto sono aumentate da quando s’è aperta la campagna elettorale.
Ieri notte, infine, guardavo le grandi reti nazionali per sapere qualche cosa sul voto nella mia città: nessuna notizia, ma non solo. Nella cartina d’Italia che segnava le città capoluogo, non un cerchietto indicava quella sul Golfo. C’era Monza che conta meno sezioni elettorali di noi. No comment.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure