Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 20 Settembre - ore 21.21

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Per incalzare Enel necessaria una più incisiva mobilitazione"

lettere a cds
"Per incalzare Enel necessaria una più incisiva mobilitazione"

- "Cosa succede a proposito della centrale Enel della Spezia? Il consiglio comunale, all’unanimità, vota un chiaro no alla costruzione di una centrale a gas in sostituzione della attuale a carbone. Ma, subito dopo il voto del consiglio, l' Enel propone di accompagnare la proposta della centrale a gas con un investimento di 500 milioni per un generico “polo green”. Qualcuno abbocca subito: una consigliera comunale di Fratelli d'Italia, dopo aver votato l' odg che dice no alla centrale a gas, ora dice sì perché non si possono perdere 500 milioni. La stessa posizione l'ha assunta il consigliere regionale di sinistra Francesco Battistini.

La centrale Enel della Spezia è da più di 50 anni nel perimetro urbano. Abbiamo dato molto alla nazione. Un premio lo meritiamo. Per questo, non è normale che l'Enel dia alla città 500 milioni senza costruire una nuova centrale a gas (sempre combustibile fossile è) come invece vuol fare? Credo di sì, ci è dovuto. Il Comune doveva e deve chiedere questo e lavorare per un progetto alternativo alla centrale a gas, cosa che il sindaco Peracchini non ha voluto fare. Non si sa neppure se il sindaco, dopo il voto del Consiglio regionale, abbia preteso da Giovanni Toti, presidente della giunta regionale, una chiara posizione di rifiuto dell'intesa con il governo per la costruzione della nuova centrale. È necessaria una più incisiva mobilitazione.

Nel 1997, l’amministrazione comunale di centrosinistra ottenne il depotenziamento della centrale da 1800Mw a 1200Mw, ma dopo anni di battaglie: il No alla proposta di desolforazione (eliminazione dello zolfo e suoi derivati), i quattro gruppi della centrale, consolidando un sito da 1800Mw. Il sì del referendum del 1990 all'obiettivo della dismissione della centrale. La chiusura della centrale per l'ordinanza del sindaco Burrafatto per il superamento dei limiti di legge del riscaldamento delle acque del Golfo. Per riaprirla i parlamentari cambiarono la legge, senza risolvere il problema, all'italiana. Ho partecipato con un ruolo non secondario a tutte queste vicende. Il Comune non ha poteri in materia energetica, ma la battaglia politica, come si diceva una volta “di massa”, può fare la differenza. Ma bisogna volerlo, sempre nella difesa dell' ambiente e del lavoro.

Moreno Veschi

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News