Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 23 Agosto - ore 15.47

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Pagati quei due mesi di black out. Prendiamo gente che abbia fame"

`Pagati quei due mesi di black out. Prendiamo gente che abbia fame`

- Cara Redazione,
vorrei condividere con voi alcune considerazioni "a freddo" sull'annata calcistica appena trascorsa. Ci ha fatto vivere momenti bellissimi, tra i più belli della storia dello Spezia, alternati a momenti di sconforto e quasi di depressione calcistica, in un saliscendi di emozioni comunque complessivamente più che positivo. I quarti di finale della Coppa Italia ed il raggiungimento delle semifinali playoff di serie B sono traguardi storici, importantissimi, difficilissimi da ripetere. Tuttavia tutta questa meravigliosa cavalcata deve rappresentare il punto di partenza per squadra, società, pubblico, facendo tesoro degli errori compiuti in questa stagione.

Personalmente credo che il primo di questi sia stato concedere inizialmente una fiducia illimitata al mister Bjelica, che pareva avvolto da un mantello di immunità che lo proteggeva da critiche ed osservazioni. In realtà nessuno deve essere esente da critiche, specialmente in un ambito calcistico che è spettacolo, passione popolare e non un dogma. Credo che abbiamo pagato alla fine quei due mesi abbondanti di black out senza i quali la squadra avrebbe potuto collocarsi meglio in classifica e godere di questo vantaggio nella roulette dei play off che altrimenti, come ben sappiamo, sono una montagna impervia da scalare. A questo aspetto, credo, si ricollegano anche i criteri di costruzione della rosa, a cui, per fortuna, hanno messo mano con successo la coppia Fusco/Di Carlo, espressione di competenza, realismo, idee chiare e di profonda conoscenza del calcio italiano e della serie B.

Proprio su questo punto vorrei che non trascurassimo quanto la serie B anche quest'anno ci ha detto: non pagano i grandi nomi, magari al termine di carriera, molto ben pagati e spesso appagati; conta molto di più la voglia di emergere, di farsi strada nel calcio, di lottare e sudare per la maglia. Altrimenti non si spiegherebbero gli "pseudo" miracoli di Carpi, Frosinone, Crotone degli ultimi due anni. Che miracoli non sono ma rappresentano il risultato di una logica ed intelligente programmazione. Per questo vorrei che nella prossima stagione ci fosse spazio per gente affamata, magari di ritorno da produttive esperienze in categorie inferiori, oltretutto prodotti della cantera aquilotta, vedi Ceccaroni, Bastoni o lo stesso Pietro Iemmello che in Lega Pro fa la differenza (come la faceva un certo Lapadula solo un anno fa). E saluterei gente ben più affermata che in questa stagione, specie nei momenti clou, non ha fatto per niente la differenza (i nomi sono facilmente intuibili).

Un caro saluto,
forza Spezia

Jacopo

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure