Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 18 Luglio - ore 20.14

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

“No alla vendita di scuole pubbliche e parchi”

“No alla vendita di scuole pubbliche e parchi”

- Effetto Spezia è da sempre contraria a ogni forma di vendita dei beni della collettività, tanto più se sono beni storici adibiti a scuole o asili.
I cittadini pagano con le proprie tasse il diritto a vedere tali beni mantenuti in efficienza e stato di decoro, non pagano invece per vederli inseriti in liste di vendita e non pagano per vederli usati come moneta di scambio per ottenere finanziamenti di un qualche tipo.
Il cittadino paga altre tasse,regolarmente e generosamente, per permettere alle amministrazioni di intervenire in tutte quelle opere di manutenzione quali la tenuta in ordine dei marciapiedi, delle strade e del verde.
E' compito di chi amministra riuscire a canalizzare tale gettito in modo da permettere ai cittadini di vivere in città decenti, senza doversi necessariamente vendere scuole, rami di aziende partecipate, cosa accaduta in passato, o altri gioielli cittadini quali i parchi pubblici.

Sappiamo bene che l'eredità lasciata da chi ha governato questo territorio è pesante, ma guai a farsi prendere la mano da facili pseudo-soluzioni ai problemi, quale appunto vendersi i gioielli di famiglia. Questo genere di scelte creano più problemi di quanti ne risolvano.
Se si pensa di far cassa e abbassare i debiti vendendosi pezzi di città, lo si dica subito e chiaramente perché il tanto sbandierato principio della “partecipazione” passa anche dalla condivisione e dalla trasparenza degli obbiettivi e dai metodi ritenuti utili al loro raggiungimento. Non è solo il cosa si fa, ma il come lo si fa ad essere importante.
Ascoltati nello specifico i genitori e i cittadini del quartiere Umberto I non ci pare proprio che siano favorevoli alla vendita del loro asilo d’infanzia.
Comprendiamo che un edificio del genere possa fare gola a qualche imprenditore che abbia messo gli occhi su un immobile tanto vicino alla Stazione Ferroviaria e quindi tanto comodo per alloggiare turisti. Turisti, tra l'altro, che poi prenderebbero il via Comprendiamo che un edificio del genere possa fare gola a qualche imprenditore che abbia messo gli occhi su un immobile tanto vicino alla Stazione Ferroviaria e quindi tanto comodo per alloggiare turisti. Turisti, tra l'altro, che poi prenderebbero il via verso le 5 terre senza lasciare un euro sul nostro territorio, ma pensare di far pagare ai bambini l'altrui profitto non sta né in cielo né in terra e trova la nostra più ferma opposizione. Non si chiede la luna, solo il rispetto minimo dovuto ai bimbi, alle loro famiglie e alla comunità di cui fanno parte.

Fabio Vistori - Presidente di Effetto Spezi

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










Come ogni estate, non c'è un giorno senza sagre. Che ne pensate?

































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News