Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 19 Agosto - ore 09.19

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Le fermate straordinarie dimostrano il fallimento del sistema pensato da Berrino"

`Le fermate straordinarie dimostrano il fallimento del sistema pensato da Berrino`

- Cittadini, pendolari e residenti ed operatori economici delle Cinque Terre e del Levante non chiedono soluzioni “tampone” o “d'emergenza” solo per evitare altre “catastrofi” pasquali in qualche ponte o fine settimana, come ritiene l'assessore Berrino: chiedono soluzioni efficienti e permanenti per la mobilità di residenti e turisti. Dopo esserci sentiti dire per mesi dall'assessore Berrino che l'unica soluzione era quella dei treni dedicati “Cinque Terre Express” ed essere trattati come fastidiosi questuanti dall'assessore e dal suo apparato tecnico­politico, adesso si scopre che si faranno fermare in via straordinaria in alcuni ponti o fine settimana i treni che non fermano, e si presenta la cosa come un prova della bontà del sistema.

Tutto questo è invece la prova evidente del fallimento del sistema congegnato dall'assessore e dal suo apparato tecnico, pagato (lautamente!) con i contributi dei cittadini che dovrebbero rappresentare. Qual'è il “dialogo con il territorio” di cui parla l'Assessore Berrino? Con quale territorio sostiene di aver dialogato? Non certo con i residenti e pendolari, che da novembre chiedono di avere i treni per raggiungere il posto di lavoro e gli ospedali, le scuole e negozi, tutto quello che permette loro di continuare a mantenere vive e attraenti le Cinque Terre. Cinque Terre che senza chi ci vive e lavora sarebbero già da decenni un Parco vuoto, di nessun interesse per nessun turista al mondo.

E' proprio è per la mancanza di ascolto da parte sua che è stata richiesto più volte l'intervento del Presidente Toti, della maggioranza che lo sostiene e dei consiglieri regionali. Cittadini, pendolari e residenti ed operatori economici non chiedono “tapulli” spacciati come scelte brillanti: chiedono che venga abbandonato un “sistema” di “treni dedicati” che danneggia la vita quotidiana di chi vive e lavora sul territorio e di chi viene a visitarlo, un sistema che ha isolato le Cinque Terre dal Levante, dal capoluogo di Regione, dal resto della Regione e dal resto d'Italia, che ha allungato i tempi di percorrenza introducendo interscambi obbligati ed inefficienti, che ha reso complicato ciò che era semplice e che si vorrebbe, anche, far pagare a caro prezzo per la Regione e per gli utenti. Queste sono le cose che da mesi sono state dette e ridette, scritte e riscritte da residenti e operatori economici delle Cinque Terre all'assessore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure