Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 22 Agosto - ore 08.00

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"La gente di Corniglia alzi la voce con chi la rappresenta"

Lettera aperta di Agostino Mantovani, già parlamentare europeo, da quarant'anni cornigliese d'adozione.

`La gente di Corniglia alzi la voce con chi la rappresenta`

- Agostino Mantovani da quarant'anni ha casa a Corniglia, dove passa regolarmente le sue vacanze. Esponente della Democrazia cristiana, è stato parlamentare europeo, e nel 1990 era a Bruxelles quando fu approvato il progetto delle monorotaie nei vigneti delle Cinque Terre. Prolifico autori di testi su ambiente, viaggi e agricoltura, Mantovani, lombardo classe 1937, interviene nel dibattito con una lettera aperta dedicata ad alcune grane del paese di cui da tempo, ormai, è di casa.

La lettera di Agostino Mantovani

Corniglia, Cinque Terre, luogo antico, a 100 metri sul mare, proteso come la prua di una nave che per miracolo esce fuori dalla montagna, patrimonio Unesco, clima salubre e forte, stracarico di turisti che vengono anche da paesi lontani, celebre per i suoi vini, i profumi della natura ed il sapore dei cibi preparati nelle buone trattorie. Insomma un incanto, uno dei posti più belli del mondo.
Estate 2016: la “marina” che è una piccola insenatura naturale dove si fa il bagno, dal 29 Luglio al 10 di Agosto è in cantiere e, in teoria, chiusa ai turisti. Durante l’inverno una mareggiata ha distrutto parzialmente il piccolo molo e certamente bisognava ripararlo. Ma occorreva farlo proprio nel periodo di punta della stagione? Corre voce che sarà un intervento provvisorio, mentre quello definitivo verrà fatto in autunno. A Corniglia, se si vuole fare il bagno, l’alternativa sarebbe lo “spiaggione” che corre a fianco della ferrovia. E’un po’ più scomodo della marina ed il muraglione contro cui sbatte il mare quando è in tempesta sta cedendo, potrebbe crollare da un momento all’altro; la scala che una volta permetteva l’accesso al mare è stata parzialmente strappata dalle onde. L’hanno aggiustata (?) con due pezzi di legno rabberciati e per scendere e salire bisogna strisciare o nascere equilibristi. Ho visto un signore anziano farsi male a una gamba e sanguinare abbondantemente. Ci sarebbe un altro accesso allo spiaggione, una scala di pietra, ma si trova al centro dell’ex villaggio Europa, chiuso da oltre 10 anni, semidistrutto da un incendio e talmente degradato da sembrare una discarica. Una vergogna, un’offesa alla vista, un insulto all’ambiente.
Un po’ più in là, verso Vernazza, ci sarebbe la spiaggia di Guvano, ma l’accesso è stato murato. Lì il muraglione di contenimento è già crollato ed il sentiero alto, una derivazione di quello per Vernazza, è inagibile. Per cui a Guvano ci si può andare solo a nuoto (se si è buoni nuotatori) o in barca (per chi ce l’ha). Alla Marina, finito il cantiere (siamo sempre in Agosto), è apparso il cartello “Divieto di balneazione”. Forse è colpa del depuratore che, invece di scaricare al largo, lontano dall’insenatura dove la gente fa il bagno, scarica troppo sotto costa e così l’acqua è inquinata.
Poi ci sono i sentieri che collegano le Cinque Terre, così belli e reclamizzati. Quello che da Corniglia porta a Manarola per congiungersi con la famosa Via dell’Amore, da tre anni è chiuso per colpa di una frana. Era il sentiero più facile e più sicuro, adatto anche ad anziani e bambini, una meraviglia. Sarà riaperto non si sa quando.
Molte terrazze sono abbandonate e qualcuna soltanto sopravvive o viene ripresa. Così il pericolo di frane aumenta. Coltivare un territorio così è difficile e poi, sul più bello del raccolto, arrivano i cinghiali che distruggono tutto.
Per ora i turisti ci sono comunque, ma fino a quando? Le Cinque Terre si sono fatte un nome e Corniglia, per la sua posizione centrale, pur essendo la più piccola, può ben definirsi la regina delle Cinque Terre.
Gli abitanti di Corniglia, quelli che hanno le botteghe, i bar e le trattorie, gli affittacamere e anche chi coltiva la terra, dovrebbero alzare la voce verso chi li rappresenta e pretendere che il territorio sia difeso di più, considerato di più, protetto di più e soprattutto mantenuto più in ordine.
Loro possono essere disponibili a collaborare, ma le scelte, come quelle sopra indicate, dipendono da chi li rappresenta (Regione, Provincia, Comune, Ente parco, ecc.). Sono gli eletti (democraticamente) i più responsabili e sono loro i primi che devono intervenire.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure