Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 28 Ottobre - ore 21.15

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

“Interventi rinviati e liste d’attesa in periodo di Covid: ennesimo effetto delle politiche di privatizzazione”

Cittadinanzattiva
“Interventi rinviati e liste d’attesa in periodo di Covid: ennesimo effetto delle politiche di privatizzazione”

- Che sia fondata la denunzia del professor Andorno o al contrario che lo sia la replica del San Martino, nulla toglie alla questione di fondo che emerge da dati oggettivi e dalle nostre segnalazioni: la destinazione, di molte unità di personale, alla gestione dell’emergenza ha fatto scoppiare il caso degli interventi rinviati e delle ulteriori liste d’attesa per gli esami, stante la generale carenza di personale anche pre emergenza.
Una realtà già nota a noi del tribunale per i diritti del malato, la cui causa è l’impoverimento del servizio sanitario regionale per (false) ragioni di bilancio e per favorire il ricorso ai privati. Da tempo lo abbiamo denunciato - anche alle procure e alla corte dei conti - e abbiamo svelato le false ragioni di riduzione del servizio pubblico: la Regione potrebbe spendere 111 milioni di euro per il personale, ma ha deciso di indirizzare la sua politica sanitaria e le nostre risorse per favorire il privato, destrutturando il pubblico. Del resto il Presidente della Regione - all’inizio del suo primo mandato - lo aveva detto: il suo intento è privatizzare il 15% dei posti letto della sanità pubblica ligure.
Miope ed irrispettosa del diritto alla salute per tutti, questa politica a “favore” del privato depaupera le strutture pubbliche; cancellare posti letto pubblici, a favore dei privati, vuol dire ridurre in conseguenza il personale nel servizio pubblico.
Ma abbiamo visto che - nei casi di vera emergenza - è solo la risposta della sanità pubblica che salva le vite umane. E’ solo grazie all’abnegazione del (poco) personale che non abbiamo avuto conseguenze peggiori in Liguria dall’epidemia.
Ora stiamo pagando gli effetti di queste politiche di “lombardizzazione”: il personale ridotto all’osso deve dedicarsi all’emergenza Covid e tutti i settori dedicati alle altre cure sono in sofferenza (ma il privato dov'è? Non doveva essere messo a sistema con il pubblico?).
In maniera scellerata non si e’ compreso - nei mesi appena trascorsi - che non si muore solo di Covid, ma anche di altre patologie. Ed ora ci troviamo davanti gli stessi problemi della scorsa primavera : gli interventi di elezione e le prestazioni di diagnostica - in arretrato per migliaia di pazienti - non vengono fissati e non si danno neppure le informazioni ai cittadini sulle date di rinvio. Manca il personale e tale mancanza si riverbera anche sulla gestione dell’emergenza: l’effettuazione dei tamponi e la loro refertazione sono in ritardo, costringendo le persone ad una quarantena forzata in attesa del responso (mentre gli stessi responsi, effettuati pagando, sono velocissimi...).
Inoltre, quando sarebbe necessaria una leale partecipazione tra cittadini ed Istituzioni per affrontare l’epidemia in una logica di comunità, la Regione si chiude nel suo fortino, senza dare informazioni ed anzi a volte nascondendo anche i reali dati sui contagi (come avvenuto in occasione delle elezioni regionali, perché prima vengono le nomine dei “capi” e le poltrone e poi la salute delle persone!).
I ritardi e i rinvii nelle prestazioni sanitarie sono inaccettabili per un servizio sanitario degno di questo nome. Metteremo a disposizione di tutti la nostra collaborazione per intraprendere ogni opportuna iniziativa per tutelare i pazienti, non escluso il ricorso alla magistratura.

Mauro Santucci - segretario di Cittadinanzattiva Liguria ODV

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News