Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 16 Agosto - ore 21.15

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Decoro urbano, stop al cassettaggio selvaggio"

`Decoro urbano, stop al cassettaggio selvaggio`

- Il decoro urbano ha molteplici nemici, tra cui il volantinaggio selvaggio che – dati i costi irrisori dei volantini e la crisi in atto che fa crescere l’uso dei volantini per “accaparrarsi” i clienti rimasti – affligge sempre più i palazzi e le abitazioni del nostro quartiere. Cassette postali stracolme di volantini, opuscoli, giornalini che illustrano le campagne pubblicitarie di supermercati e ipermercati.
Non c’è poi solo il problema del decoro urbano: cassette ricolme obbligano a continue ispezioni per controllare se, fra la pubblicità, non si nasconda anche qualche lettera. La Consulta dice basta a questo scempio dimostrato da decine e decine di fotografie che abbiamo ricevuto dai residenti e scende in campo con la campagna “Volantino selvaggio? Mai più!”: campagna per far conoscere ai cittadini il diritto a non vedersi invasa la propria cassetta postale da mille, inutili e fastidiosi fogli pubblicitari depositati in quantità industriali. Tutti devono infatti sapere, e potranno leggerlo sui manifesti che affiggeremo sulle plance cittadine, che in caso di volantinaggio effettuato nonostante uno specifico divieto, che spesso è indicato sulle cassette, è dovuto il risarcimento del danno sulla base del civile principio giuridico ben illustrato da una (esemplare, per tutte) sentenza del Giudice di Pace di Bari.
ll Giudice di Pace di Bari ha infatti condannato due Società a risarcire il danno esistenziale patito da un condomino che ha visto sistematicamente riempire di volantini pubblicitari la sua cassetta delle lettere.
Il Giudice ha tenuto sì in considerazione il disposto dell’art. 41 Cost. sulla libertà di iniziativa economica, ma ritenne che nel caso di specie tal liberta si sia presentata in forma talmente aggressiva ed invadente da ledere la personalità dell’individuo.
Ma non solo, anche senza nessun divieto di inserimento della posta in cassetta, In sintesi il Giudice, già nel dicembre del 2003, ha ritenuto che il fastidio provocato dalla costrizione allo svuotamento giornaliero della cassetta postale, nonché la violazione della riservatezza, costituiscano interessi la cui lesione è fonte di un danno non patrimoniale che deve essere risarcito.
La Consulta del Centro Storico si è resa parte attiva e ha inviato anche una lettera alle principali agenzie che distribuiscono la pubblicità che hanno sede nella nostra provincia chiedendo loro di effettuare il loro lavoro in modo meno invasivo, non è possibile si infilino nella cassetta postale cinque o sei volantini alla volta o che vengano poggiati sui gradini di case e palazzi con l'unico risultato di vederli svolazzare sul selciato sporcando il quartiere, che, tanto per cominciare, si facciano cassettaggi con minor numero di volantini e si eviti di lasciarli per strada.
Il nostro è un centro storico medievale e merita rispetto.

Il Presidente della Consulta del Centro Storico
Massimiliano Giampedroni

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure