Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 20 Settembre - ore 21.21

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Casermette, un progetto ben lontano dalle promesse dell'amminsitrazione"

L'intervento dell'associazione 'Abitanti Pagliari'.

"Casermette, un progetto ben lontano dalle promesse dell'amminsitrazione"

- Nonostante le nostre richieste e osservazioni circa il mega progetto di cementificazione che il Comune della Spezia intende realizzare a ridosso delle case di Pagliari (area ex casermette), nessuna risposta proviene dalla stessa amministrazione in merito alle grosse preoccupazioni che hanno i cittadini. Gli abitanti di Pagliari sono pertanto decisi a combattere questa che sta diventando una vera e propria lotta per sopravvivenza e decoro. Pagliari, a sua difesa, ha riunito e trovato aiuto nelle associazioni Legambiente, Italia Nostra,WWF, LIPU, Comitato quartieri del Levante, VAS, nonché in esperti ambientali e anche politici appartenenti, al momento, al Partito Democratico, mentre rimane in attesa del pronunciamento degli altri gruppi politici che siedono in Consiglio Comunale ai quali, illustrata e documentata loro la situazione, è stato chiesto di pronunciarsi. Ovviamente ciascuno avrà le proprie responsabilità di scelta, a noi, popolo di Pagliari, spetterà quella del conseguente giudizio.
Quello che forse sta sfuggendo al Comune della Spezia è la valutazione del danno ambientale, territoriale e sociale irreparabile che tale progetto provocherà, sia sul piano economico (si svaluteranno case come succede per Fossamastra e Canaletto con l'avanzamento portuale indiscriminato), e probabilmente anche sanitario su un territorio, il nostro di Pagliari, a cui viene tolta l'identità e la storicità e l'autenticità di borgo precollinare.

Un progetto di decine di migliaia di metri cubi di cemento, centinaia di migliaia di tonnellate di peso, su un territorio e terreno pieni di criticità, anche alluvionale come dimostrano le esondazioni che hanno più volte costretto gli abitanti di Pagliari a fronteggiare, da soli, queste emergenze, spalando acqua e fango dalle strade, dalle colture e dalle loro abitazioni. Un progetto comunale che annienta centinaia di metri quadrati di bosco, distrugge decine e decine di alberi pregiati, non più rimpiazzati, e provocherà l'allontanamento della fauna autoctona quale tasso, scoiattolo, poiane, picchi e molte altre specie che trovavano nidificazioni e la vita in quel bosco, che si vuol distruggere. Un bosco che filtra polveri sottili e veleni industriali , che è la protezione più naturale per un inquinamento che altrimenti colpirebbe il quartiere di Pagliari, un bosco che cattura una gran quantità di anidride carbonica e ci rende migliaia di metri cubi di ossigeno, quello buono che si spande per tutta la città. Ma c'è qualcuno che vuole ucciderlo. Decine di alberi vivi, reali, a pieno titolo dei beni giuridici pubblici, cui va accordata una tutela particolare per la loro funzione che svolgono nell'ambito della comunità con cui convivono. E poi muri di cemento altissimi che chiuderebbero Pagliari come in un carcere. Un progetto ben diverso dalle promesse di una riqualificazione delle periferie, dei quartieri del Levante e di Pagliari, come anche questa amministrazione aveva annunciato.

Per l'Associazione Abitanti Pagliari
Sergio Tognetti

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News