Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 16 Giugno - ore 09.40

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Pontremoli, c'è la tassa di soggiorno a sorpresa: "E chi ha già prenotato?"

Opposizione e operatori in polemica con l'amministrazione: "Non è chiaro come la vorrebbero spendere...".

tempismo che fa discutere
Pontremoli, c'è la tassa di soggiorno a sorpresa: "E chi ha già prenotato?"

Lunigiana - "Non si può introdurre la tassa di soggiorno nel bel mezzo della stagione turistica perché questo crea un danno agli operatori del settore". A Pontremoli esplode il caso dell'obolo turistico, che fa saltare dai banchi delle opposizioni i consiglieri PD Francesco Mazzoni, Elisabetta Sordi e Gregorio Petriccioli. Accusano l'amministrazione di averla introdotta a stagione già iniziata, di fatto quando già diversi visitatori hanno prenotato il proprio pernottamento in Lunigiana. Prenotazioni fatte quando la tassa non era ancora stata introdotta. "E' evidente che le prenotazioni per la primavera e l’estate 2019 siano arrivate quando non era ancora stata introdotta la tassa di soggiorno".

"La tassa di soggiorno è uno strumento che deve essere usato con intelligenza e con un’idea ben chiara di sviluppo turistico - recita una nota - Come abbiamo detto in consiglio comunale, l’amministrazione non ha promosso adeguati momenti di confronto, nei quali garantire la partecipazione degli operatori economici del settore turistico nel procedimento che ha condotto all’introduzione della tassa di soggiorno. E' evidente che chi gestisce una struttura ricettiva si trova, oggi, a dover far pagare ai turisti e ai clienti un’imposta ulteriore, piovuta dal cielo, che non aveva previsto e inserito al momento in cui ha accettato la prenotazione".

"C’è poi una questione di fondo, sulla quale manca un ragionamento serio: come verranno impiegati i soldi della tassa di soggiorno? Va benissimo far pagare al turista che decide di fermarsi a Pontremoli, ma a questa prestazione patrimoniale imposta dall’Amministrazione devono corrispondere servizi che siano all’altezza di un centro turistico. Non possiamo far pagare la tassa di soggiorno e avere le vie del centro storico piene di sterco di cani e di volatili, le fogne maleodoranti, i servizi igienici pubblici inesistenti.
Pontremoli è bellissima ed è nota per le sue ricchezze e i suoi gioielli. Ma questo non basta. Per creare un business del turismo – e questo deve essere l’obiettivo – la parte pubblica deve garantire efficienza massima per ciò che è di sua competenza. E allora: la tassa di soggiorno va bene, ma chi paga vuole e deve avere in cambio servizi all’altezza della situazione. E comunque ogni decisione deve essere presa in accordo con gli operatori del settore, che sono l’unico vero motore della promozione turistica e della creazione del marchio Pontremoli e del brand Lunigiana".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News