Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 23 Novembre - ore 23.20

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Ponte Albiano: "Presto via le macerie e il progetto esecutivo"

Il ministro De Micheli ad Aulla: "Sulle rampe tempi certi da metà ottobre".

la visita

Lunigiana - Una tappa lunigianese non facile quella per il ministro delle Infrastrutture Paola De Micheli intervenuta ieri, giovedì, nella sala consiliare del Comune di Aulla in occasione di un evento della campagna elettorale del Partito Democratico per le elezioni regionali. Il ponte di Albiano Magra, crollato l’8 aprile scorso, in pieno lockdown, e le cui macerie si trovano ancora nell’alveo del fiume Magra, è stato l’argomento centrale affrontato di fronte ai comitati di cittadini e rappresentanti delle imprese della frazione aullese che si trova isolata da ormai cinque mesi.
Fuori dal Comune un ampio schieramento di forze di polizia a presidiare il Palazzo, all’interno col ministro il sindaco di Aulla, Roberto Valettini, e alcuni sindaci della Lunigiana come quello di Fivizzano, Gianluigi Giannetti, quello di Filattiera, Annalisa Folloni e quello di Podenzana Marco Pinelli oltre ai rappresentanti locali del Pd, il segretario provinciale Enzo Manenti in testa, ai quattro candidati dem al consiglio regionale e al presidente regionale del partito Giada Moretti. Prima dell’iniziativa pubblica, De Micheli, si è fermata nell’ufficio del primo cittadino per un incontro a porta chiuse a cui ha preso parte anche la parlamentare Martina Nardi e a cui è seguito un breve dialogo coi rappresentanti dei sindacati della società autostrade, di cui parleremo in un prossimo articolo.

Il sindaco di Aulla, Roberto Valettini, ha rimarcato i disagi che la popolazione di Albiano e delle frazioni circostanti sta vivendo da ormai troppo tempo. Sulla stessa linea, ma in modo più incisivo, ha parlato Pierangelo Pieroni, in rappresentanza della Pro Loco, la Croce Rossa e i commercianti di Albiano: "La burocrazia ha bloccato tutto, siamo in balia degli eventi. I detriti del ponte sono ancora lì e con l’avvicinarsi dell’autunno aumenta il rischio delle piene che potrebbero trascinare i detriti fino ai piloni del ponte autostradale, mettendolo a serio rischio".
A prendere la parola di fronte al ministro anche Daniela Cocchi, insegnante di una scuola di Albiano e residente a Caprigliola che ha parlato a nome della Pro Loco della frazione e degli insegnanti: "I nostri bambini dovranno restare sui mezzi di trasporto pubblico per 40 minuti e, in caso di chiusura della strada della Ripa, saranno costretti a restare a casa. Le rampe sull’A15 e il ponte definitivo sono indispensabili". L’intervento più duro nei confronti del ministro è stato però quello di Mario Del Rio, imprenditore che è intervenuto in rappresentanza di 14 aziende dell’area industriale di Albiano e che a un certo punto si è alzato, lasciando l’aula: "Vogliamo tempi certi e sicuri da lei» ha detto a De Micheli. "Vogliamo subito le rampe, altrimenti saremo costretti ad abbandonare questo territorio e portare la produzione anche fuori dall’Italia. Non ci dovete prendere in giro".

De Micheli ha risposto punto su punto a tutti, ammettendo le lungaggini che hanno portato alla nomina del commissario Enrico Rossi e chiarendo che oggi non può ancora dire una data di apertura dei cantieri per le rampe e il nuovo ponte: «Abbiamo ridotto i tempi attraverso il decreto Genova a cui abbiamo aggiunto l’articolo 9 del decreto Semplificazioni. Cercheremo di fare tutto ciò che è possibile per accelerare. Un quadro preciso per le rampe lo avremo a metà ottobre perché il progetto è stato già inviato al ministero dell’Ambiente per la Valutazione d’impatto ambientale (Via) e ai primi giorni del prossimo mese avremo il parere del Consiglio superiore dei lavori pubblici".
Per quanto riguarda il progetto del ponte, invece, il ministro ha annunciato che "il progetto definitivo è già pronto». Quello esecutivo arriverà dopo i carotaggi che avverranno una volta rimosse le macerie, ancora sotto sequestro: "La Procura è assolutamente sensibilizzata e delle tempistiche certe sull’apertura dei cantieri ve la darò un minuto dopo il dissequestro. Abbiamo chiamato il procuratore, il quale ci ha detto che il gip ha dato il via libera per l’incidente probatorio, successivamente avverrà il dissequestro".

Infine, riguardo alle infrastrutture locali, De Micheli ha confermato che la ferrovia Pontremolese è inserita nell’elenco delle opere prioritarie che presenterà a giorni al premier Giuseppe Conte e ha annunciato che il progetto sarà commissariato e realizzato a lotti.

M.B.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News