Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 28 Novembre - ore 21.30

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Pazienti covid a Pontremoli, insorgono i sindaci lunigianesi di centrodestra: "Decisione Asl irrispettosa"

Baracchini (Pontremoli), Ballerini (Casola), Bellesi (Villafranca), Martelloni (Licciana Nardi), Mastrini (Tresana) intervengono contro la decisione dell'azienda sanitaria: "Sarebbe stato utile destinare al coronavirus il vecchio ospedale di Massa".

la protesta
Pazienti covid a Pontremoli, insorgono i sindaci lunigianesi di centrodestra: "Decisione Asl irrispettosa"

Lunigiana - "In quanto rappresentanti dei cittadini e del territorio ci aspettavamo, anzi tutto, di essere interpellati e coinvolti nelle scelte e invece registriamo l’ennesima imposizione dall’alto». Inizia così la nota congiunta dei sindaci lunigianesi di centrodestra, Lucia Baracchini (Pontremoli), Riccardo Ballerini (Casola), Filipppo Bellesi (Villafranca), Renzo Martelloni (Licciana Nardi), Matteo Mastrini (Tresana), che respingono con forza la decisione da parte di Asl e Regione che parte dell’ospedale di Pontremoli sarà riservato, presumibilmente da domani, lunedì, ai pazienti covid.
"All’ospedale di Pontremoli - scrivono i primi cittadini - chiediamo da tempo investimenti strutturali: si tratta di un presidio che necessita di interventi da tempo e che invece, per lo stesso motivo, ha perso importanti servizi.
Per questo diventa difficile accettare che un sabato di novembre qualcuno decida in silenzio, senza avvisare chi ci lavora, chi è ricoverato e chi rappresenta i cittadini, di modificare la gestione di un ospedale. La nostra idea è questa: sarebbe stato giusto mantenere e rafforzare a Pontremoli le prestazioni per tutte le specialità diverse dal covid".

"Sarebbe stato utile destinare al covid il vecchio ospedale di Massa, su cui la Regione ha speso ingenti risorse.
Sarebbe stato urgente assumere il personale necessario a riaprire il presidio massese. A oggi, per quanto Asl e Regione avrebbero già deciso di fare, non abbiamo ricevuto nessuna comunicazione ufficiale. Ci era stato detto che avremmo potuto esprimere le nostre richieste martedì prossimo, in un incontro in video conferenza con il direttore dell’Asl Toscana Nord Ovest, Maria Letizia Casani. Prendiamo atto che nulla di tutto questo è stato fatto e quindi, oltre a rammaricarcene, chiediamo a questo punto quale sarà il destino di tutti i pazienti che si rivolgevano all’ospedale per le altre patologie. Vorremmo capire cosa ne sarà degli appuntamenti già dati per gli ambulatori posti al quinto piano. Vorremo sapere come verranno gestite le visite già programmate: holter, ecocuore, terapie diabetiche, terapie oncologiche".

"Tutte queste cose avremmo voluto deciderle insieme a chi governa, insieme all’Asl, ma prendiamo atto del fatto che non sia stato possibile. Prendiamo atto anche del fatto che ieri, a tarda serata, alcuni pazienti sono stati trasferiti in altri ospedali. Ci spiace che tutto questo sia accaduto e ci spiace che l’emergenza sia stata affrontata in questa maniera, totalmente tardiva e, a nostro avviso, del tutto sbagliata. Comunque la si pensi è un problema di metodo e a questo punto anche di merito: restiamo a disposizione per collaborare, come sempre abbiamo fatto, ma chiediamo rispetto per i cittadini e per le istituzioni che rappresentiamo".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News