Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 28 Settembre - ore 21.55

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Open Pontremoli sulla candidatura di Cavellini con Italia viva: "Maggioranza allo sbando"

Open Pontremoli sulla candidatura di Cavellini con Italia viva: "Maggioranza allo sbando"

Lunigiana - La candidatura di Clara Cavellini nelle fila del centrosinistra, con Italia Viva, a sostegno di Eugenio Giani è la rappresentazione di una amministrazione che non ha più un briciolo di dignità.
L'assessore alla sanità che per anni, insieme al suo capogruppo di centrodestra Ferri (Jacopo), ha tuonato contro Rossi, Saccardi e Regione Toscana, oggi si trova con Ferri (Cosimo), candidata esattamente nel partito della Saccardi, a sostegno del candidato governatore del centro sinistra Giani.
Basterebbe questo a far vergognare l'“ex assessore” che, infatti, soltanto ieri, ha rimesso le deleghe al Sindaco; il problema è che Clara Cavellini rimane in consiglio comunale, come candidata di Italia Viva, senza chiarire quale sarà da oggi la sua posizione politica.
In materia di sanità è passata al centrosinistra e a sostegno del lavoro di Stefania Saccardi? Riconosce nel programma di Eugenio Giani lo sviluppo della Toscana del futuro?
Ha cambiato linea nei confronti di Enrico Rossi, rispetto al quale Giani si pone in assoluta continuità?
Rimane in maggioranza o passa in minoranza?
Il Sindaco ha dichiarato che avrebbe potuto mantenere le deleghe: quindi il cambio di linea coinvolge l'intera amministrazione?
Cosa dice il capogruppo Ferri (Jacopo) della giravolta del suo ex assessore?
Il quadro che emerge è di una maggioranza allo sbando, che deve piegarsi a logiche di potere esterne al Consiglio Comunale per ragioni di opportunismo, che nulla hanno a che fare con il bene della nostra città.
Tutto questo sulla pelle dei Pontremolesi. È la stessa Cavellini che rende pubbliche sorde e latenti spaccature all'interno dell'amministrazione, parlando di “problemi di relazione” con alcuni suoi colleghi (di quella che fino a ieri era la sua maggioranza).
A queste domande dovrebbero dare risposte chiare sia la Cavellini, diretta interessata, che Cosimo Ferri, uomo che tira le fila di questa triste messa in scena. La verità è che questi soggetti dimostrano, oggi più che mai, di non avere in alcun modo a cuore il futuro di Pontremoli e della Lunigiana.
La candidatura della Cavellini, all’ultimo tuffo, senza una motivazione politica, è frutto di un gioco di palazzo di basso livello, fatto soltanto come estremo tentativo di “andare contro” all’unica rappresentanza seria e possibile del territorio.
Una domanda semplice e diretta a Clara Cavellini e, prima di tutto, a Cosimo Ferri: Italia Viva è o non è nel centro sinistra in Toscana o a Massa Carrara?
Sostiene Eugenio Giani o tiene posizioni poco chiare invocando il voto disgiunto?
Queste sono le logiche che fanno male al territorio e rispetto alle quali le persone hanno tutto il diritto di giudicare e di ribellarsi.

Francesco Mazzoni Matteo Bola Elisabetta Sordi

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News