Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 28 Luglio - ore 16.40

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Barani: "Quei carabinieri non andavano arrestati"

Lo storico esponente socialista: "Vogliamo capire se le procedure sono state rispettate".

Barani: `Quei carabinieri non andavano arrestati`

Lunigiana - “Abbiamo piena fiducia nella Procura che sta facendo il suo lavoro, come io sto facendo il mio – ha sottolineato – Vorremmo capire se tutte le procedure sono state rispettate, perché secondo noi quei carabinieri non andavano arrestati”. Lo ha dichiarato stamani il senatore di Ala Lucio Barani nell'ambito di una conferenza stampa massese organizzata dal gruppo 'Massa città nuova'.
In particolare l’ex sindaco di Aulla si è concentrato sulla modalità di raccolta delle prove che hanno indotto il Gip a emettere otto ordinanze di misura cautelare per altrettanti uomini dell’Arma di Aulla e Albiano Magra: uno arrestato in carcere, tre agli arresti domiciliari e quattro con divieto di dimora nella provincia di Massa-Carrara. Ebbene, secondo Barani, tra le prove raccolte, le intercettazioni telefoniche avrebbero avuto un ruolo fondamentale. “In quei testi trascritti – ha detto il senatore – una virgola può cambiare l’intero senso di una frase, quindi vorremmo sapere se quanto trascritto sia stato riportato fedelmente. Le intercettazioni sono un mezzo importante ma non devono essere prese per oro colato”.

E poi, sempre sulla questione intercettazioni, “vorremmo chiedere alla Procura – ha detto Barani – di attivarsi per perseguire i responsabili che hanno permesso la fuoriuscita di quei documenti riservati arrivati in alcune redazioni giornalistiche che hanno poi pubblicato le trascrizioni”.

“Negli ultimi tempi in Lunigiana si è sparso un virus di malavita e criminalità” ha sottolineato Barani, secondo cui “ci vorrebbe l’esercito per riportare serenità e sicurezza e anche per allontanare gli stranieri senza permesso di soggiorno”.

“Siamo arrivati al paradosso – ha detto in chiusura – che i criminali oggi si sentono protetti e minacciano le forze dell’ordine”

E poi, sul fatto che l’attuale sindaco di Aulla Roberto Valettini sia uno degli avvocati difensori dei carabinieri inquisiti, ha detto: “Non c’è alcuna incompatibilità di legge”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure