Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 22 Ottobre - ore 23.34

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Pontremoli, amministrazione retrograda"

`Pontremoli, amministrazione retrograda`

Lunigiana - Nel richiamare soltanto alcuni degli articoli della nostra Carta Costituzionale, la maggioranza che detiene il potere del Consiglio Comunale di Pontremoli dimentica di prendere in considerazione l'art.2 del medesimo testo.
Quell'articolo, nel riconoscere e garantire i diritti inviolabili dell'uomo, fa riferimento a tutti quei diritti che, in vario modo, concorrono allo sviluppo della personalità umana.
La nostra Carta Fondamentale, non a caso, quei diritti li definisce "inviolabili", proprio al fine di sottrarli a qualsiasi limitazione o compressione, che non sarebbe ammessa neppure ricorrendo alla procedura aggravata della revisione Costituzionale.
La Corte Costituzionale, sul tema, si è espressa con la sentenza n. 138/2010 , nella quale ha affermato che "il parametro da prendere in considerazione è prima di tutto l'art 2 , nella parte in cui riconosce i diritti inviolabili dell’uomo, non soltanto nella sua sfera individuale ma anche, e forse soprattutto, nella sua sfera sociale, cioè «nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità», delle quali la famiglia deve essere considerata la prima e fondamentale espressione."
La famiglia è infatti la primigenia formazione sociale nella quale si esplica la personalità dell'individuo, ma non può non prendersi atto della rapida evoluzione della società e dei costumi degli ultimi decenni, nel corso dei quali si è assistito al necessario superamento del modello di famiglia tradizionale, per intenderci, quello richiamato dall'art 29, e al contestuale sorgere spontaneo di forme diverse, seppur minoritarie, di convivenza, che chiedono protezione, e che debbono essere considerate e disciplinate e che quindi trovano copertura Costituzionale, per l'appunto nel richiamato articolo 2.
Infine, se il richiamo allo " zoccolo duro" della nostra Costituzione non fosse sufficiente, basterà confrontare la visione, retrograda e discriminatoria della famiglia e del matrimonio fatta chiara dalla mozione di maggioranza del Consiglio Comunale di Pontremoli, con quella che ci viene restituita dalle principali Carte Fondamentali di matrice internazionale e comunitaria ( Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo, CEDU e Carta di Nizza del 2000) nelle quali il diritto di sposarsi ( ergo di creare una famiglia) è riconosciuto quale diritto fondamentale della persona ed è comprensivo, oltre che della libertà di non sposarsi, anche di quella di scegliere in maniera autonoma il proprio coniuge, dal momento che quell'opzione, riguardando essenzialmente la sfera individuale della persona, non permette nessuna ingerenza da parte dello Stato, che non può e non deve interferire, qualora non risultino interessi prevalenti e/o incompatibili.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure