Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 05 Luglio - ore 22.10

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Pazienti appena stubati dal Noa alla Lunigiana, così si rischiano altri contagi"

Intervento di Jacopo Ferri per il Coordinamento Forza Italia di Pontremoli.

"Pazienti appena stubati dal Noa alla Lunigiana, così si rischiano altri contagi"

Lunigiana - Pur essendo stata superata la fase acuta del contagio e dei ricoveri in terapia intensiva/rianimazione continua ad essere perpetrata con pericolosa superficialità la procedura che vede trasferire con troppa fretta dal NOA negli Ospedali della Lunigiana alcuni pazienti, dati per guariti da Covid-19, che vengono poi puntualmente ‘riscoperti’ ancora infetti. Sarebbero stati almeno una decina, se non di più, ed uno di questi sarebbe poi deceduto.
La cosa sta assumendo un notevole livello di gravità e di preoccupazione (anche tra i familiari dei degenti) perché rischia, ogni giorno, di determinare nuovi filoni di contagio in luoghi, come gli Ospedali, in cui i ricoverati sono ovviamente fragili e gli operatori lasciati sconsideratamente esposti.
Succede infatti che arrivino dal NOA in Lunigiana pazienti appena “stubati” dalla terapia intensiva, a volte ancora supportati da ossigenazione indotta e/o con sintomi da coronavirus ancora in essere, per i quali è disposto il trasferimento del ricoverato per i più svariati motivi (e ben prima dei dieci giorni che sono ritenuti necessari essere trascorsi dalla guarigione effettiva) sul presupposto che i tamponi effettuati siano negativi. Eppure, all’esame clinico appare spesso evidente l’esatto opposto ed alla verifica di tamponi successivi i malati si trasformano in diverse circostanze drammaticamente in positivi, dovendo essere velocemente riportati al NOA, magari dopo aver stazionato per giorni nei vari reparti (alcuni dei quali neppure dotati, come spesso denunciato, di stanze con bagno dedicato). Con ogni conseguenza!
E’ davvero inconcepibile che accada, ed è inspiegabile come la direzione sanitaria dei presidi che ha voluto classificare No-Covid i plessi ospedalieri della Lunigiana, continui poi ad insistere con questa prassi, peraltro senza particolari riscontri formali, mettendo pazienti ed operatori sanitari di fronte a decisioni compiute che possono compromettere la loro salute.
A ciò si aggiunge la debolezza, già più volte segnalata, del percorso e delle cosiddette ‘bolle’ che dovrebbero consentire la gestione in sicurezza dell’inevitabile possibilità che dall’esterno della rete ospedaliera possano arrivare in Pronto Soccorso persone con sintomi covid.
Si ha insomma la netta sensazione di una forte sottovalutazione da parte della direzione sanitaria dei presidi della provincia su due delicatissimi aspetti (trasferimenti dal Noa e percorsi interni per malati sospetti covid) che invece richiederebbero particolare attenzione e chiare disposizioni. Quasi che la sola classificazione No Covid degli Ospedali lunigianesi rappresenti per l’Azienda Usl una sorta di giustificazione assoluta per scelte irrazionali, sbagliate e molto pericolose.
Per questo è necessario un intervento quanto mai solerte della direzione sanitaria dell’Azienda che riveda queste indicazioni definendo formalmente ed approfonditamente, alla luce dei rischi, procedure corrette e mettendo operatori sanitari e strutture ospedaliere nella condizione di applicarle con rigore ed in assoluta sicurezza per tutti.

Intervento di Jacopo Ferri, Coordinamento Forza Italia Pontremoli

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News