Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 22 Gennaio - ore 20.33

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"L’ospedale torni ad essere no-covid". Quattro sindaci lunigianesi sottoscrivono l’appello di Pontremoli

Matteo Mastrini (Tresana), Renzo Martelloni (Licciana Nardi), Riccardo Ballerini (Casola) e Filippo Bellesi (Villafranca): "La mancanza di personale per i vecchi ospedali di Carrara e Massa non può giustificare questa scelta".

la protesta
"L’ospedale torni ad essere no-covid". Quattro sindaci lunigianesi sottoscrivono l’appello di Pontremoli

Lunigiana - "Anche alla luce del recente pronunciamento del consiglio comunale di Pontremoli, che ha unanimemente chiesto al governatore Giani, all’assessore alla sanità Bezzini e al direttore dell’Asl Casani di rivedere le scelte sull’ospedale di Pontremoli, chiediamo anche noi di renderlo nuovamente no-covid. In primavera il modello individuato da Asl e Regione non era questo: si erano concentrati i casi covid al Noa di Massa, lasciando gli ospedali della Lunigiana no Covid". Quattro sindaci lunigianesi di centrodestra, Matteo Mastrini (Tresana), Renzo Martelloni (Licciana Nardi), Riccardo Ballerini (Casola) e Filippo Bellesi (Villafranca), intervengono per ribadire il loro “no” ai pazienti covid all’ospedale di Pontremoli.

"Il Nuovo Ospedale delle Apuane – affermano i primi cittadini – ha infatti caratteristiche di modularità e versatilità che i presidi sanitari lunigianesi, bisognosi di ammodernamenti e investimenti, a ora non hanno. Si è investito sul vecchio Ospedale S. Giacomo di Massa e sul monoblocco di Carrara, rendendoli capaci di dare comunque risposte che l’ospedale di Pontremoli non può dare: ciò che è mancato, per queste realtà di costa, è stato un rapido reclutamento del personale, ma questo non basta a giustificare la scelta unilaterale di rendere covid (anche se parzialmente) l’ospedale di Pontremoli il 7 novembre".

"Rendere il reparto di medicina del presidio pontremolese covid, senza aver investito e senza aver attrezzato la struttura dei percorsi necessari mette tuttora a rischio, a nostro avviso, la salute degli operatori sanitari e dei pazienti. In proposito sarà anche necessario fare luce sui recenti contagi per verificare che non si siano prodotti a causa delle insufficienze sopraccitate. Chiediamo un veloce passo indietro: la responsabilità non è infatti partecipare a scelte palesemente sbagliate, ma compiere quelle che servono alla salute pubblica".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News