Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 08 Luglio - ore 23.28

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Ripartenza in sicurezza, Zum Zeri si prepara

Tante le novità al rifugio e alla baita, strumenti di contingentazione possibili grazie ai grandi spazi: e la consapevolezza che la situazione attuale può trasformarsi in opportunità per le valli della Lunigiana.

territorio pressochè immune al virus
Ripartenza in sicurezza, Zum Zeri si prepara

Lunigiana - “Zum Zeri vuole essere una struttura pilota per garantire un ritorno graduale alla corretta normalità anche del proprio tempo libero”. L'annuncio è di Maurizio Viaggi, presidente protempore della no-profit che gestisce la località turistica Lunigianese. Nei prossimi giorni tutte le strutture riceveranno un intervento straordinario di pulizia e successivamente una ditta specializzata effettuerà la sanificazione dei locali. Il rifugio di Zum Zeri diversificherà le proprie funzioni di ristorante da quelle del bar, cosi come l’albergo, gli impianti sportivi e le aree verdi. Gli ingressi saranno distinti, il ristorante ridurrà drasticamente la propria capienza posizionando i tavoli in modo che tra loro ci sia ameno la distanza di due metri per consentire il distanziamento sociale e il movimento del personale. All’esterno, dove lo spazio verde non manca, i tavoli saranno posti sotto tensostrutture con percorsi dedicati e accesso ai portatori di handicap. Ogni tavolino sarà preventivamente fornito del menù dove le proposte gastronomiche saranno presentate chiaramente, evidenziando i prodotti a garanzia della qualità e a tutela di eventuali soggetti allergici, in modo da consentire una più rapida e consapevole scelta da parte dei clienti. Un'app dedicata consentirà la prenotazione.
Al bar non ci saranno tavoli, la consumazione sarà effettuata all’esterno dove verranno posizionati punti di accoglienza, ristoro e tavolini sempre nel rispetto delle distanze. Saranno utilizzati bicchieri e tazze in cellulosa monouso, ingressi contingentati al bar e ai servizi igienici, barriere protettive sul bancone e alla cassa. Nelle strutture in più luoghi saranno presenti termometri laser per la misurazione della febbre, gel igienizzante e guanti, cartelli informativi e segnalazione dei percorsi per favorire il mantenimento delle distanze.

La stessa impostazione sarà data all’albergo Gran Baita Lunigiana. All’arrivo a tutti i clienti sarà misurata la temperatura, le camere saranno singole o doppie nel caso di congiunti o se specificamente richieste, verranno pulite e disinfettate così come i piani. Le sale comuni saranno regolamentate e le attività a loro destinate saranno trasferite negli spazi esterni. Nel caso di gruppi organizzati e centri estivi, il capo gruppo effettuerà il check in e la sistemazione nelle camere evitando assembramenti. Con i responsabili si definiranno preventivamente programmi di attività, menù e gestione delle presenze. Alla mattina prima dell’inizio delle attività e alla sera sarà presa a tutti la temperatura. In attesa di maggiori chiarimenti sull’app “immuni” se ne ipotizza un suo utilizzo. Particolare attenzione sarà riservata al personale e agli addetti a cui verranno fornite mascherine, guanti e tutte le dotazioni di prevenzione individuali necessari alla tutela personale.

“In attesa di conoscere le norme che regoleranno il periodo estivo, stiamo ipotizzando la promozione dei bellissimi percorsi delle nostre valli, in particolare verso il monte Fabei o Spiaggi con viste mozzafiato sul mar Tirreno, bike elettriche, l’apertura estiva della seggiovia e per le attività sportive tutte quelle che all’epoca del corona virus sarà possibile praticare all’aria aperta in un territorio magnifico e incontaminato” dichiara Viaggi.“In questo periodo sono cambiate le abitudini delle persone, immaginiamo improbabile pensare alle grandi tavolate o alle feste, dovremmo sfruttare al meglio gli spazi esterni che fortunatamente non ci mancano. Assisteremo con gioia e ospitalità al ritorno al pic-nic, miglioreremo gli strumenti di informazione e di servizio come la prenotazione online dei pasti da ritirare pronti presso il nostro rifugio e da godersi sui prati o nelle aree attrezzate”. Come si è detto, l’estate non sarà solo gastronomia pensiamo che quella 2020 possa essere “un’estate di passeggiate” o di riscoperta dei borghi e Zum Zeri chiede una iniziativa da parte della Regione Toscana, sempre sensibile ai temi ambientali, per il recupero e la manutenzione dei sentieri. Il Passo dei 2 Santi è un punto di riferimento della sentieristica nazionale, da li parte la GEA – Grande escursione Appenninica, è punto di sosta per la Marchesana, varianti della Francigena, alta via dei monti Liguri e il sentiero Italia del Cai. Ulteriore attenzione sarà verso gli appassionati del ciclismo perché scalare i nostri monti è
gratificante.

“Poi l’inverno, siamo pronti alla riapertura della stagione invernale con tutti i protocolli che insieme alle associazioni degli esercenti funiviari stiamo predisponendo"- dice Viaggi. In ultimo Zum Zeri si sta attrezzando, in base anche alle esperienze maturate negli anni passati con gruppi sportivi e con le settimane promosse da Regione Toscana e Uisp “ragazzi insieme” per gestire in sicurezza centri estivi giovanili che sono una auspicabile risposta a tanti mesi di limitazioni domiciliari. L’obiettivo è offrire un servizio che garantisca la fruizione di un territorio facilmente raggiungibile, ricco di seconde case e di opportunità extra alberghiere, adatto a bambini, anziani, famiglie o sportivi, rispettando rigorosamente le cautele e le indicazioni sanitarie, utili a mantenere quella sostanziale immunità dal virus che Zeri ha avuto in queste settimane La consapevolezza è che questo territorio, ben conosciuto ed apprezzato, abbia le caratteristiche per offrire l’opportunità di risollevarsi, tutti insieme, dall’attuale drammatica situazione che il Covid ha causato. Come si è operato con serietà e rispetto delle norme in questi difficili mesi, ora la comunità zerasca e i suoi imprenditori s’impegneranno per la ripresa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News