Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 05 Dicembre - ore 21.43

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Ponte di Albiano, lunedì la sponda ligure a colloquio col ministro De Micheli

Battilani, Scampelli, Mazzi e Bertoni hanno scritto al presidente Mattarella per accelerare l'individuazione di una soluzione. Intanto Paita ha ottenuto l'ok per un incontro online con la numero uno del Mit.

Nuovo commissario

Lunigiana - Una lettera indirizzata al presidente della Repubblica Sergio Mattarella e un incontro via web con il ministro De Micheli. Due iniziative distinte per arrivare ad azioni più concrete per la ricostruzione del ponte di Albiano, crollato in pieno lockdown, l'8 aprile scorso.
La lettera è stata scritta dai sindaci di Bolano, Follo, Calice al Cornoviglio e Vezzano Ligure che sperano in un interessamento del capo dello Stato. La seconda iniziativa fa parte di un'azione di mandato intrapresa dalla deputata di Italia viva Raffaella Paita, come presidente della commissione parlamentare Trasporti.

Lo scopo è comune: liberare cittadini e aziende costretti a convivere con una situazione drammatica che di recente ha visto il dissequestro del ponte, l'abbandono dell'ipotesi di costruzione delle rampe sulla A15, la proposta di farne sulla A12. A breve, a partire dal 13 novembre, si celebrerà una conferenza dei servizi per arrivare alla costruzione del nuovo ponte, mentre è di oggi la nomina del nuovo commissario per la ricostruzione Fulvio Maria Soccodato, in sostituzione all'ex presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi.
Nella lettera indirizzata al presidente Mattarella dai sindaci Alberto Battilani, Mario Scampelli, Rita Mazzi e Massimo Bertoni viene rilanciato il tema delle rampe sulla A12 ricordando anche che le difficoltà di spostamento, per raggiungere gli ospedali della Spezia e Sarzana, sono ancor più problematiche a causa dell'emergenza sanitaria. I primi cittadini non dimenticano le azioni intraprese dai parlamentari.
"Siamo riusciti - scrivono -, grazie all’intervento dei parlamentari liguri, ad organizzare in data 30 ottobre un incontro con i vertici nazionali di Anas dal quale sono emerse notizie molto preoccupanti in quanto le rampe di accesso sull’autostrada A15 nel Comune di Aulla non sono realizzabili, il ponte provvisorio proposto da subito da Anas, con tempi di realizzazione di oltre 6 mesi, è rimasto ad oggi nel cassetto in quanto non condiviso dalle amministrazioni toscane e sempre in tale incontro è emerso che la soluzione proposta dai comuni liguri dal giorno seguente al drammatico evento, ovvero la realizzazione delle rampe di accesso sull’autostrada A12 Genova-Livorno, non è mai stata richiesta ad Anas nonostante sia stata prospettata e anche condivisa con il sottosegretario Roberto Traversi".
"Una soluzione, quella delle rampe provvisorie sull’autostrada A12, condivisa dal territorio, dai sindaci liguri interessati, dalla Regione Liguria e dalle associazioni di categoria, una soluzione che consentirebbe di togliere questa parte di territorio ligure e toscano dall’isolamento, da una situazione di estrema difficoltà che si aggiunge alla già difficile situazione causata della pandemia da Covid-19. Abbiamo chiesto con forza - proseguono - un incontro con il ministro De Micheli ma oggi, a sette mesi dall’evento, non siamo ancora riusciti ad averlo e nemmeno il commissario da lei nominato (Enrico Rossi, NdR) non si è degnato di una telefonata, situazione frustrante ed umiliante per chi, come noi sindaci, è impegnato tutti i giorni in prima linea a cercare soluzioni per le problematiche dei nostri territori".
"Chi le scrive - si legge ancora - appartiene a schieramenti politici diversi, ma siamo tutti convinti, soprattutto in questi ultimi mesi così difficili, della necessità di lavorare tutti insieme per dare vita al più volte citato “sistema Paese”. Noi ci crediamo molto ma per fare sistema ci vuole la partecipazione di tutti e purtroppo ad oggi è mancata".
"Come vede signor presidente proponiamo un intervento fattibile e realizzabile in tempi brevi con la condivisione dei territori e delle amministrazioni competenti, le più volte citate rampe sull’autostrada A12, ma purtroppo non siamo ascoltati - concludono -. Siamo disponibili ad incontrarla per spiegarle in maniera più puntuale la nostra proposta e le chiediamo un suo autorevole intervento per sbloccare una situazione che sta diventando difficile da sopportare".

La lettera è stata inviata prima Raffaella Paita annunciasse per i prossimi giorni l'incontro con il ministro De Micheli. "Come previsto dal mio mandato - spiega la presidente della commissione Trasporti della Camera a CDS - stiamo completando un percorso già portato avanti con il confronto con Anas. Lunedì alle 17.30 il ministro parteciperà a un incontro con i sindaci e tutti i parlamentari liguri dove verranno chiesti chiarimenti sulle questioni rimaste aperte: le soluzioni provvisorie, le rampe e i tempi di realizzazione".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News