Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 18 Ottobre - ore 22.39

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Pagano: "Un nuovo patriottismo costituzionale per cambiare un presente inaccettabile"

Pagano: `Un nuovo patriottismo costituzionale per cambiare un presente inaccettabile`

Lunigiana - La presentazione di “Eppur bisogna ardir. La Spezia partigiana 1943-1945” a Fivizzano è stata innanzitutto l’occasione per ricordare il forte legame tra la Resistenza spezzina e quella del Comune lunigianese. Undici partigiani spezzini morirono a Fivizzano e a Casola, come ha ricordato il presidente della sezione Anpi di Casola in Lunigiana-Fivizzano Daniele Rossi. Tra questi Ottavio Manfroni, che combatté in Lunigiana e fu ucciso dai nazifascisti dopo l’incendio del paese di Mommio, il 5 maggio 1944 nei pressi del passo del Cerreto. Il suo nome di battaglia “Spezia”, anzi “Speza” in dialetto, venne in seguito assunto dalla III Brigata Garibaldi della Divisione Lunense.
Dopo i saluti di Lina Pecini dell’Anpi e di Carmine Mezzacappa dell’Associazione Dal libro alla solidarietà, è intervenuto lo storico Maurizio Fiorillo: il libro di Pagano, ha detto, “è un libro di storia ed è anche una riflessione sull’oggi”, ed è insieme “un libro di memorie, che utilizza i ritratti e i racconti per illuminare gli aspetti multiformi della Resistenza e restituirne l’umanità, senza paura di mostrare anche gli aspetti più negativi”. Il libro è infine “una riflessione sull’identità dell’Italia repubblicana, sulle responsabilità dell’anticomunismo ma anche del Pci, sull’eclisse dell’antifascismo e dei partiti”. Giorgio Pagano ha così concluso: “Dopo la fine della prima Repubblica, quella dei partiti antifascisti e dell’arco costituzionale, è fallita anche la seconda, quella del maggioritario e dei partiti personali. Non possiamo che ripartire dal ‘patriottismo costituzionale’. Nei momenti di smarrimento e di crisi abbiamo bisogno di garanzie di protezione da un potere politico intrusivo. Essere ‘i nuovi patrioti della Costituzione nata dalla Resistenza’ significa stare dalla parte di chi vuole non conservare ma cambiare un presente inaccettabile”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure