Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 22 Settembre - ore 22.45

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia
56,13%
38,90%
2,42%
0,89%
0,52%
0,46%
0,24%
0,18%
0,17%
0,08%
Ultimo aggiornamento: 22/09/2020 10:02:52 Sezioni 1795 di 1795

Allarme di Legambiente sull'assalto ai torrenti della Lunigiana

Lettera aperta alle istituzioni: serve controllo e gestione degli accessi per evitare il degrado.

Allarme di Legambiente sull'assalto ai torrenti della Lunigiana

Lunigiana - Legambiente ha deciso di prendere carta e penna e scrivere alle istituzioni preposte (sindaci e Carabinieri forestali) per segnalare una situazione diffusa di degrado ambientale ed utilizzo improprio dei corsi d'acqua minori in Lunigiana, dove la concentrazione di bagnanti quest'estate è ormai abnorme e fuori controllo.

La situazione è diffusa in tutti gli angoli più belli, ma anche più delicati della Lunigiana, con folle di bagnanti si accalcano senza alcun rispetto per l'ambiente naturale che li accoglie. Germani reali presi a sassate e torturati, acque intorbidite, abbandono di rifiuti, numero di persone in eccesso rispetto ai piccoli e delicati laghetti e cascatelle diffuse in ruscelli e torrentelli in valli remote della Lunigiana. Tre i luoghi presi ad esempio negativo, tra le decine diffusi in tutta la Lunigiana: I Bozzi di Fiacciano (cs delle Fate), gli Stretti di Giaredo ed i bozzetti di Equi Terme.

L'associazione chiede con urgenza alle Autorità controlli diffusi e adozione di regole e limitazioni da far rispettare.

“È chiaro – commenta Matteo Tollini, Responsabile Parchi e Biodiversità di Legambiente Toscana- che il fenomeno della balneazione incontrollata lungo i corsi d'acqua minori, da pratica tradizionale locale e tutto sommato contenuta e compatibile con gli equilibri naturali, ha assunto una concentrazione e diffusione non più sopportabile per i delicati ambienti acquatici delle valli della Lunigiana. Tale situazione non può più essere lasciata incontrollata, ma sono urgenti controlli e gestione della fruizione, per garantire innanzitutto la tutela dell'ambiente e la sicurezza delle persone.”

“Può diventare un boomerang anche per il turismo, – prosegue Tollini di Legambiente- infatti il degrado ambientale e l'insicurezza possono diventare controproducenti per l'immagine turistica della Lunigiana, un territorio che stiamo cercando tutti insieme di accreditare come luogo accogliente, poco affollato e naturale.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




FOTOGALLERY






















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News