Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 22 Gennaio - ore 23.04

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Gravina: "Tifosi allo stadio da gennaio? E' il mio auspicio"

dopo il consiglio federale
Gravina: "Tifosi allo stadio da gennaio? E' il mio auspicio"

Liguria - Nell’ultimo Consiglio Federale del 2020 arrivano l’approvazione dello Statuto – regolamento della Lega Serie A in vista delle elezioni federali e l’assegnazione di ulteriori contributi per le società, per un totale di 2.5 milioni di euro circa. Nella conferenza stampa successiva al Consiglio, il Presidente della FIGC Gabriele Gravina ha commentato: “Avevamo l’esigenza di approvare l’ultimo statuto di una componente, la Serie A, per consentire di avviare il percorso elettorale recependo i principi informatori del CONI; abbiamo inoltre colto l’occasione per distribuire ulteriori risorse ai club come piccolo rimborso per le onerose ed eccessive spese che stanno sostenendo in questo periodo”. Sono stati erogati direttamente ai club 15.000 euro per ogni società delle Leghe Professionistiche e 6.000 per quelle di Serie D, Calcio a 5 Serie A Maschile e Femminile.

Il presidente Gabriele Gravina ha aperto i lavori alle ore 10.30 con i consiglieri: Dal Pino, Marotta e Lotito per la Lega di A; Balata per la Lega B; Ghirelli e Baumgartner per la Lega Pro; Sibilia, Acciardi e Frascà per la Lega Nazionale Dilettanti; Tommasi, Calcagno, Gama e Zambrotta per gli atleti; Beretta e Giatras per i tecnici; il presidente dell’AIA Nicchi; il presidente del Settore Giovanile e Scolastico Tisci; il presidente del Settore Tecnico Albertini; il segretario generale Brunelli; il membro UEFA nel Consiglio della FIFA Christillin; il presidente ECA e membro del Comitato Esecutivo della UEFA Agnelli. Tutti i consiglieri si sono collegati in conference call, fatta eccezione per Gravina, Ghirelli e Sibilia presenti in sede. Il Presidente ha poi ricordato Paolo Rossi, annunciando la volontà di intitolargli proprio la sala del Consiglio Federale e, una volta assegnato, anche il Centro sportivo polivalente ‘Salaria Sport Village’.

In conferenza stampa, diversi gli argomenti affrontati. A cominciare dal confronto con le forze politiche sui provvedimenti in discussione nella Legge di Bilancio: “La postergazione del pacchetto fiscale – ha commentato Gravina rispondendo a una domanda – non è certo risolutiva, è comunque un piccolo segnale. Il valore del risultato è straordinario, ma non ci fermiamo. Chiederemo di poter ampliare a 4 mesi questa misura e abbiamo altre iniziative in essere, come ad esempio chiedere di utilizzare i fondi del Recovery Fund e il Fondo Salvasport come investimenti per le infrastrutture. La necessità di rilancio oggi si basa su due aspetti: le infrastrutture ed i settori giovanili”. Resta sempre attuale il tema del rinnovo del contratto del CT, nonostante la scadenza sia già fissata alla fine del 2022: “Non ho parlato di date con Roberto, ma come ha detto lui ieri non ci sono problemi per lui e neanche da parte nostra. Parlarne con due anni di anticipo vuol dire due cose: dimostra grande attenzione da parte degli operatori dell’informazione e vuol dire che Roberto Mancini ha fatto molto bene, tanto che tutti gli Italiani vogliono che vada avanti”.

Oltre a parlare di ritorno del pubblico negli stadi (“gennaio? il mio è un auspicio”) e di centrale unica per i tamponi (“ritengo debba esserci una centralità di gestione, ci incontreremo e ne parleremo sperando che presto non serva più…”), Gravina ha voluto ribattere a chi sosterrebbe una sua presunta incandidabilità sulla base della Legge Lotti: “Sono tranquillo, esistono decisioni tombali al riguardo, sono stato candidabile due anni fa e lo sono ancora, chi pensa di ricorrere ad altri mezzi dovrebbe studiare di più… Ad oggi ho le oggettive designazioni di 3 componenti professionistiche, la prima volta nella storia, oltre all’endorsement di calciatori e allenatori”.

Infine, il futuro dei campionati: “Sarebbe riduttivo – conclude Gravina - pensare solo all’introduzione di play off e play out: quando si parla di format si deve pensare ad una diversa concezione della Serie B, della Lega Pro ma anche dei Dilettanti. Serve un sistema nuovo, moderno e veloce, teso ad ammortizzare le differenze tra le categorie, che spesso generano situazioni disastrose in caso di retrocessione o anche di promozione”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News