Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 20 Settembre - ore 23.44

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Volpi (M5S): "In Liguria una spesa sanitaria fuori controllo"

La deputata grillina: "Prestazioni di qualità medio-bassa ma di elevato costo pro capite".

Volpi (M5S): "In Liguria una spesa sanitaria fuori controllo"

Liguria - “Con 64 milioni, la sanità della Liguria ha il disavanzo peggiore in Italia dopo quello del Molise: è quanto dichiarato ieri dalla procura regionale della Corte dei Conti della Liguria nel corso del giudizio di parifica dell'esercizio finanziario 2019. Un disastro cui il Governatore risponde come al solito con mirabolanti giri di parole e frasi ad effetto. Ma la realtà è nuda e cruda e ancora una volta ci dice che la politica sanitaria del centrodestra ha fallito!”. Lo afferma la deputata M5S Leda Volpi.

“Emerge che il sistema regionale ligure - continua - è poco attrattivo, è inefficiente, ha un elevato costo pro-capite, eroga prestazioni di medio-bassa qualità e non finanzia la qualità delle prestazioni. Un quadro desolante, cui si aggiungono i costi generati dalle fughe dei pazienti liguri, obbligando così la Liguria a pagare dazio: nel 2019, infatti, a causa della mobilità extra-regionale, abbiamo speso 18 milioni di euro in più rispetto al 2018, per un totale di 71 milioni. Dunque, obiettivo mancato: le fughe fuori regione sono aumentate e con esse l’esborso. E che dire della spesa per investimenti in campo sanitario? È un’altra débâcle: a fronte di un impegno di oltre 40 milioni per il 2019, la Regione ha speso solo 719 mila euro”.

“Di fronte al giudizio impietoso della Corte, Toti si è arrampicato sugli specchi: sviando in maniera pretestuosa l’attenzione sulla gestione pandemica, ad esempio, egli “dimentica” che la Corte si riferisce al disavanzo del 2019, quindi non ha nulla a che fare con il Covid”, precisa Volpi.

“Al netto delle giustificazioni risibili - e conclude -, l’Ente a trazione totiana e leghista ci dica piuttosto perché la magistratura contabile è arrivata a sollevare dubbi finanche sul ruolo dell’Azienda Ligure Sanitaria, che avrebbe dovuto essere un elemento di efficienza e invece è stata parte del problema. “Sarebbe necessario comprendere l’effettivo ruolo svolto da A.Li.Sa”, ha infatti dichiarato il procuratore della Corte dei conti Claudio Mori.”, conclude Volpi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News