Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 22 Ottobre - ore 23.34

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Verdi: "Cinghiali? Il voto dei cacciatori tira..."

Verdi: `Cinghiali? Il voto dei cacciatori tira...`

Liguria - "Per la gioia della lobby caccia/armi, da parecchi lustri, politici di centro sinistra e di centro destra, cercano inutilmente di risolvere il problema dei cinghiali, ad oggi nessun risultato, anzi questa specie é in costante aumento". Parola di Angelo Spanò, Coportavoce dei Verdi liguri.
"Però è non andata cosi male per i politici - prosegue -, visto e considerato che per questo non decidere a sfavore dei seguaci della dea Diana, sono stati premiati a suon di voti, praticamente si sono avvalsi della “legge”non scritta: tira più il voto di un cacciatore che cento buoi.
Cari politici, sempre in nome e per conto di “san scranno” avete permesso, che sino agli anni 80/90, si introducessero gli ungulati e oggi gli agricoltori pagano le conseguenze di queste scelte scriteriate.
Senza contare che nel 2005, la Provincia di Genova (Assessora Briano), presentò delle iniziative scientifiche, che furono messe in campo, intese a realizzare un progetto finalizzato all’introduzione dei caprioli nel parco dell’Aveto, caprioli che oggi, non conoscendo i confini del parco, hanno prolificato e si sono propagati in tutto il levante, creando seri problemi alle coltivazioni.
Dopo queste doverose premesse, desidero rivolgermi a tutti quelli che accusano gli animalisti di volere tutelare gli animali, a loro dico, basta volerlo, in primis, come suggerisce il WWF, occorre togliere la gestione degli ungulati ai cacciatori e affidarla a persone esperte, inoltre ci sono metodi alternativi per ridurre la specie, come quello di alimentarli (sulle alture), non con del granturco e pane secco, come fanno alcune squadre di cacciatori, bensì con del mangime antifecondativo, state pur certi che nel giro di pochi anni non avremo più cinghiali che invadono le città e le campagne, peccato che questa mia proposta vada a scontrarsi contro l’interesse dei cacciatori, i quali a volte traggono benefici economici, vendendo (rilasciano ricevuta fiscale ?), queste carni ai ristoranti/trattorie del nostro entroterra.
Altra questione che chiedono inascoltati gli animalisti, è quella dei fantomatici centri per il recupero fauna selvatica in difficoltà, l’Assessore Regionale Mai, dal suo insediamento aveva promesso che li avrebbe istituti, promesse da “marinaio” oggi, solo grazie all’Enpa ne è stato aperto uno a Campomorone, mentre sarebbe estremamente importante aprirne uno nella provincia della Spezia, ricordo all’Assessore Mai che queste persone sono costrette, loro malgrado a doversi fare carico ( a loro spese), degli animali feriti. Mi chiedo se anche l’Assessore Mai é sensibile solo al richiamo dei seguaci della dea Diana e non considera la voce di chi vorrebbe curare la fauna in difficoltà?".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure