Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 15 Settembre - ore 12.17

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Vaccarezza e Costa: "Sulla Gronda Ferrando si è comportato da novello Enrico IV"

Vaccarezza e Costa: "Sulla Gronda Ferrando si è comportato da novello Enrico IV"

Liguria - Questa mattina, nell’ordine del giorno della seduta del Consiglio Regionale, era iscritta una interrogazione a risposta immediata) del consigliere del Partito democratico, Walter Ferrando.
Il documento, sollecitava l’inserimento della Gronda di Genova fra gli interventi infrastrutturali ritenuti prioritari per la Liguria, con una rapida calendarizzazione della cantierizzazione dell’opera.
“Sarà un caso – dichiara il presidente della commissione Bilancio, Angelo Vaccarezza - ma durante lo svolgimento dei lavori, senza nemmeno attendere la risposta dell’assessore Giacomo Giampedrone, il proponente collega ha ritirato il documento. A pensar male si fa peccato ma raramente si sbaglia. Due le ipotesi possibili.
La prima: il Partito democratico è ampiamente soddisfatto del lavoro del Governatore Giovanni Toti sul tema Gronda, e quindi il ritiro in aula vale come apprezzamento.
La seconda, amara, ma più probabile ipotesi, è che l’imbarazzo di avere, nei pentastellati compagni di viaggio alquanto scomodi, oggi sia più che mai evidente, e che, in ottica di elezioni regionali: “Se per Enrico IV Parigi val bene una messa” per Walter Ferrando il miraggio di fare l’assessore alla Sanità con Alice Salvatore presidente della Regione... val bene una Gronda”.

"Ho sempre pensato – gli fa eco il presidente della Terza Commissione, Andrea Costa – che la politica fosse l’arte delle cose possibili. A volte però, le alleanze diventano complicate da gestire. Ho sempre saputo che in relazione ai grandi temi del nostro territorio, le criticità sarebbero state dietro l’angolo, in questi quattro anni le divergenze sono state molte e piuttosto marcate. Il ritiro dell’interrogazione di oggi - conclude Costa - è la prova che come ha sottolineato il collega Vaccarezza, gli imbarazzi sono qualcosa di più di una sensazione. Dal 2015 ad oggi, il Partito democratico e il Movimento cinque stelle non sono riusciti nemmeno a fare opposizione insieme; non oso immaginare come potrebbero essere in grado di governare".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News