Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 26 Maggio - ore 18.50

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Treni, Paita e Lunardon: “L'orario invernale sarà un altro disastro firmato dalla coppia Toti-Berrino"

Treni, Paita e Lunardon: “L´orario invernale sarà un altro disastro firmato dalla coppia Toti-Berrino`

Liguria - "Le indiscrezioni sull’orario invernale dei treni liguri che entrerà in vigore il mese prossimo sono allarmanti. Dopo il disastro dell’anno scorso, la coppia Toti e Berrino, colpisce ancora e riesce nell’impresa di fare persino più danni del 2015. E pensare che stiamo ancora parlando di indiscrezioni. Chissà cosa accadrà quando potremmo vedere l’orario nella sua interezza. Per il momento, ciò che sappiamo è che: il treno veloce per Milano promesso l’anno scorso dal governatore non è mai stato preso realmente in considerazione; per andare a Roma, dal mese prossimo, occorrerà mezz'ora in più rispetto a oggi; il Frecciabianca per Torino del mattino è stato cancellato, in barba agli annunci sulla macroregione; sulla linea Genova-Acqui Terme sono rimaste tutte le problematiche dell’anno scorso e per quanto se ne sa criticità rimangono anche sulle altre linee verso l’interno e su quelle a lunga percorrenza". A lanciare l'allarme sono i consiglieri regionali del Pd Raffaella Paita e Giovanni Lunardon.

"Insomma Genova è sempre più lontana da Milano, Torino e Roma (per non parlare di molte altre grandi città come Bologna e Firenze) e la Liguria fatica ad avere collegamenti decenti anche al proprio interno e con il Basso Piemonte. Il treno - sostengono Paita e Lunardon - sta diventando un mezzo di trasporto sempre più costoso e lento, ma la Regione sta per firmare ugualmente un contratto di servizio con Trenitalia di nove anni (6 più 3), con la prospettiva di sottoscriverne uno nuovo di 15 anni a partire dal 2018 senza gara e completamente sbilanciato sull’acquisto di nuovi treni, quando bisognerebbe investire risorse anche sulla qualità del servizio. Toti e Berrino sembrano impotenti di fronte a questo vero e proprio tracollo dei trasporti. L’esempio dei collegamenti con Roma è lampante. Niente voli low cost e quindi prezzi altissimi per chi sceglie l’aereo; treni cari e sempre più lenti per chi opta per la ferrovia: la Capitale si allontana anno dopo anno e questa Giunta non è in grado di fare nulla. Qualità del servizio e tempi di percorrenza sono due elementi fondamentali per il rinnovo del contratto di servizio. E se la Regione si lamenta dei pochi soldi a disposizione, vorremmo ricordare che con i 30 milioni di euro che intende spendere per l’acquisto della reggia di De Ferrari si potrebbero fare molte cose, a cominciare dai trasporti. Come sostiene anche l’assessore genovese Sibilla le lettere di Berrino a Trenitalia contano poco: bisogna agire. E proprio in questa direzione va il tavolo chiesto dai sindacati con le Ferrovie, una proposta che anche noi condividiamo".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










I SONDAGGI DI CDS

Mimmo Di Carlo in scadenza di contratto, vorreste vederlo ancora sulla panchina dello Spezia?
56,3% 
43,7% 






























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure