Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 16 Ottobre - ore 22.30

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Spesa farmaceutica, il Pd critica Toti. E i Cinque Stelle attaccano: "Posizione farsesche"

Spesa farmaceutica, il Pd critica Toti. E i Cinque Stelle attaccano: `Posizione farsesche`

Liguria - "La Giunta Toti aumenta la spesa farmaceutica della Liguria. Con una delibera del 22 luglio scorso l’assessore Viale – diversamente da quanto le era stato consigliato dalla Corte dei Conti due giorni prima – ha deciso di cancellare la distribuzione diretta dei farmaci salvavita tramite l’ospedale: un sistema virtuoso che era stato ideato dell’Asl 1 di Imperia e che prevede anche il recapito a casa per i pazienti. Al suo posto la Giunta ha deciso di introdurre l’obbligatorietà della cessione in nome e per conto (e quindi il ritiro dei farmaci in farmacia), con una spesa maggiore per le casse della Regione. Un provvedimento che vanifica quanto fatto in passato, visto che negli ultimi anni in Liguria la spesa per i farmaci in regime di assistenza convenzionata ha fatto registrare una progressiva riduzione (di cui la distribuzione diretta rappresenta uno dei fattori anche se non l’unico), passando dai 334 milioni di euro del 2010 ai 215 milioni del 2015, con un risparmio in 5 anni di circa 400 milioni di euro. Tanto per fare un esempio la spesa pro capite lorda per i farmaci nella nostra regione, l’anno scorso, era di 151,8 euro a persona, contro una media nazionale di 178,7 euro. E questo nonostante la Regione Liguria abbia una popolazione anziana di oltre il 27% (circa l’8% in più della media nazionale).

Come detto, a questo risultato hanno concorso vari fattori, e fra questi vi è anche la distribuzione diretta dei farmaci. A Imperia, infatti, nel 2015 il risparmio prodotto da questo sistema è stato di circa 1,2 milioni di euro. E se l’esperienza dell’Asl1 fosse estesa a tutta la Liguria (per il momento è approdata solo nell’Asl 5 spezzina, mentre Genova, Savona e Tigullio hanno sia la distribuzione diretta senza recapito a casa, sia la cessione in nome e per conto tramite le farmacie) si potrebbero risparmiare circa 6 milioni di euro l’anno.

Da dove arrivano queste cifre? "I conti sono presto fatti: al momento il costo della cessione diretta dei farmaci salvavita (quindi tramite le Asl) con recapito a domicilio – mettendo insieme tutti i costi di personale, benzina, usura della macchina ecc – è di circa 1,80 euro al pezzo; la cessione in nome e per conto, e quindi il ritiro presso le farmacia, per ora, con i prezzi fissati dalla precedente amministrazione, è di poco più di 5 euro più Iva (quindi circa 7 euro) al pezzo, più una parte dei costi del sistema che restano a carico dell’ente regionale. Il totale della spesa quindi lievita a circa 8 euro. Parliamo naturalmente di costi sostenuti dalle casse regionali, non dai pazienti, per i quali, comunque, il farmaco resta gratuito".

"La delibera della Giunta Toti - continuano - che estende a tutte le Asl, obbligatoriamente, la cessione in nome e per conto non fissa una cifra. Certo, se si dichiarasse che i farmaci si possono ritirare solo in farmacia senza onere alcuno non avremmo nulla in contrario. Ma se la Regione dovesse spendere obbligatoriamente per tutti quanto spende oggi per le Asl 2, 3 e 4 (e cioè circa 8 euro al pezzo, nei casi in cui avviene la cessione in nome e per conto) o addirittura di più saremmo contrarissimi. Ed è proprio questo il nostro timore. Il sistema dell’Asl 1, avviato da Mara Saglietto era considerato un’eccellenza in tutta Italia e ha permesso di evitare sprechi, individuare abusi – c’erano pazienti che avevano a casa armadi pieni di medicinali costosissimi e scaduti – e razionalizzare i costi, migliorando il servizio agli utenti. Con questa delibera della Giunta Toti invece si torna indietro e si affida persino il monitoraggio dei farmaci venduti – che costano parecchi soldi e vengono acquistati dalla Regione – alle stesse farmacie che li vendono. Le Asl dispongono di database con tutti i dati dei pazienti e l’elenco dei farmaci assegnati. In questo modo sarà invece più difficile evitare che vengano ritirati più farmaci in diverse farmacie e quindi vi possano essere abusi, a danno delle casse regionali". Il Gruppo del Pd pertanto chiede il ritiro della delibera di Giunta del 22 luglio 2016; il proseguimento della sperimentazione della distribuzione diretta e domiciliare di Imperia; l’affidamento del monitoraggio dei costi alle strutture pubblico; l’avvio della distribuzione a domicilio per i pazienti con difficoltà.

“La totale chiusura di Toti e Viale alla distribuzione diretta dei farmaci è profondamente sbagliata e in contrasto con la normativa nazionale. L’ennesimo regalo alle lobby farmaceutiche e ultimo tassello del processo di privatizzazione selvaggia della sanità ligure”. Durissimo Andrea Melis, consigliere del MoVimento 5 Stelle Liguria, alla vigilia del Consiglio straordinario sui farmaci PHT in Regione. “Chiediamo a gran voce di estendere a tutta la Liguria la virtuosa sperimentazione dell’Asl 1 di Imperia per la distribuzione diretta dei farmaci, con costi estremamente ridotti per i cittadini e senza aggravi di spesa per il Sistema Sanitario Regionale, come hanno ribadito ancora di recente la Corte dei Conti e le direttive nazionali Aifa - prosegue il portavoce M5S, che attacca l’assessore Viale – Affidare a Federfarma uno studio per ridurre le spese sanitarie in un contesto che li vede come parte in causa rischia di creare un enorme conflitto di interessi. Un regalo bello e buono alle lobby dei farmacisti, sulla pelle e sulle tasche dei cittadini”.
Melis non risparmia una stoccata al Partito Democratico. “Stupisce che a sostegno della distribuzione dei farmaci si sia schierato anche il Pd, che peraltro in passato non pare aver sostenuto una reale estensione alle altre ASL liguri dello stesso meccanismo. Lo stesso Pd in Parlamento ha bocciato sistematicamente in Commissione tutti i nostri emendamenti per estendere l’esempio virtuoso dell'ASL Imperiese a tutto il paese. Non solo. Come ha denunciato il parlamentare ligure M5S Matteo Mantero, il Governo a trazione dem ha votato contro anche al nostro Ordine del giorno in cui chiedevamo che la distribuzione dei farmaci PHT non portasse aggravi di spesa per il Servizio Sanitario Nazionale”.
“In Liguria paladini dei cittadini, ma a Roma, come il centro destra, difensori delle lobby farmaceutiche – conclude Melis - Uno sdoppiamento di personalità o incoerenza propagandistica?”

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure