Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 21 Febbraio - ore 11.55

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Spazzacorrotti=SalvaLega? Il M5S si difende: "Non esiste"

Spazzacorrotti=SalvaLega? Il M5S si difende: "Non esiste"

Liguria - In merito alla polemica innescata dai recenti articoli di stampa riguardante un emendamento approvato nella "legge Spazzacorrotti", dopo un approfondimento e una nota del sottosegretario alla Giustizia Vittorio Ferraresi, il capogruppo comunale Luca Pirondini e il capogruppo regionale Alice Salvatore sostengono che "l'ipotesi, ventilata in particolare da "Il Fatto Quotidiano" e "La Repubblica" nei loro recenti articoli, non esiste".
I consiglieri infatti assicurano: "L’emendamento introduce, nella fattispecie di cui all'articolo 316-ter c.p. ('Indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato'), un'aggravante a effetto speciale (vale a dire una pena da uno a quattro anni, invece che da sei mesi a tre anni) per il caso in cui il fatto sia commesso da un pubblico ufficiale o da un incaricato di pubblico servizio".

"Diversamente da quanto previsto in precedenza, qualora il Giudice ritenesse i fatti riconducili all'articolo 316-ter c.p., e il soggetto attivo del reato sia un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblico servizio, la pena è senza dubbio aumentata. In ogni caso, l'emendamento non incide in alcun modo sulla qualificazione del reato. Peculato e indebita percezione di erogazioni a danni dello Stato rimangono due fattispecie distinte e immutate rispetto alla precedente formulazione. Morale: non sono mutati gli elementi costitutivi della fattispecie di reato: è stata introdotta un'aggravante a effetto speciale", riportano i portavoce del M5S.
La nota pervenuta dal sottosegretario avvalora poi quanto dichiarato dai consiglieri: "La condotta prevista dall’articolo del Codice penale di fatto non cambia. Anzi. L’inserimento va solamente ad aggravare il fatto previsto dalla norma, ossia la condotta di indebito conseguimento di contributi, finanziamenti, mutui mediante utilizzo o presentazione di dichiarazioni o documenti falsi o attestanti cose non vere o mediante l'omissione di informazioni dovute".

"Condotta materialmente diversa da quella che integra il peculato (appropriazione di un bene di cui già si dispone): l'ambito di operatività delle due fattispecie resta quindi distinto e non sovrapponibile, come ribadito anche dalla giurisprudenza". "Tra l’altro, nel nostro ordinamento è già prevista un’aggravante del tutto analoga all’articolo 61 numero 9 del Codice penale, che già poteva applicarsi a questo caso indipendentemente dalla nuova norma inserita", continua la nota.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News