Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 26 Maggio - ore 18.50

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Rete a sinistra: "La Regione toglie ossigeno ai Parchi"

Rete a sinistra: `La Regione toglie ossigeno ai Parchi`

Liguria - Solleva accese polemiche la scelta della giunta Toti di tagliare i fondi ai Parchi liguri per 450mila euro. Il punto di vista di Rete a Sinistra. «Una scelta che desta sconcerto: tagliare il finanziamento ai parchi liguri è assolutamente sbagliato. Questa idea produrrà un unico effetto: togliere agibilità e ossigeno agli Enti Parco, che già da tempo soffrono condizioni di personale sotto-organico, per cui non riescono a far fronte alle loro numerose funzioni e competenze. Tagliamo il sociale, l’ambiente, la cultura: i soliti capitoli di bilancio. È più facile, o no? – è l’accusa del consigliere regionale Gianni Pastorino -. Peraltro sono totalmente assurde le dichiarazioni rilasciate il 21 settembre dall’Assessore Giampedrone, secondo il quale i parchi “devono imparare a spendere meglio le risorse”. È vero che la Regione non può mettersi a fabbricare soldi, come lamenta l’Assessore, ma è anche vero che le risorse per potenziare la centrale della Protezione Civile si potevano trovare da altre parti. Dove? Ad esempio risparmiando sulle consulenze d’oro e sugli affitti, evitando l’insensato acquisto da 30 milioni della sede di piazza De Ferrari, estinguendo qualche mutuo».
Forse però il progetto della giunta è un altro: «è chiaro che questo taglio non è maturato soltanto da una mancanza di risorse; c’è un disegno preordinato per limitare lo spazio di manovra dei parchi e accentrarne la governance in mano unica – sottolinea Pastorino -. In questi anni i parchi sono stati uno strumento di difesa del territorio; ne hanno valorizzato l’identità e hanno evitato che si perpetrassero scempi paesaggistici di proporzioni inaudite. Per questo la giunta vuole colpirli: una punizione esemplare, semplicemente perché svolgono bene il loro lavoro».
«Piano Casa, nuova legge sulla caccia, riforma degli Ato, cancellazione di fatto delle polizie provinciali: con gli atti che approva, il centrodestra spinge per una regione in cui si riduca la tutela pubblica del territorio e, specularmente, si espandano le attività private dei singoli operatori – conclude Pastorino -. In ultimo, ma non meno importante, questo taglio provocherà una crisi occupazionale di cui la Regione è unica, vera, responsabile. I Parchi saranno costretti a lasciare a casa i propri dipendenti, alla faccia di chi ci racconta di voler salvaguardare l’occupazione in Liguria».

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










I SONDAGGI DI CDS

Mimmo Di Carlo in scadenza di contratto, vorreste vederlo ancora sulla panchina dello Spezia?
56,3% 
43,7% 






























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure