Città della Spezia Liguria News Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 23 Giugno - ore 16.00

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Quer pasticciaccio brutto delle case popolari "prima agli italiani"

Quer pasticciaccio brutto delle case popolari "prima agli italiani"

Liguria - "Oggi si è svolta l’audizione dei capigruppo alla presenza dell’assessore Scajola e dei comitati dei quartieri collinari sui criteri di applicazione della legge 10 sull’assegnazione delle case popolari, così come modificata dal centrodestra un anno fa. Com’è noto il nostro giudizio sulla “legge Scajola” è fortemente negativo sia per le sue finalità propagandistiche (il tema “prima gli italiani” che guida il provvedimento e che ha portato il Governo a impugnarlo), sia perché non interviene sui veri temi della questione: la governance di Arte e le risorse per gli alloggi e le manutenzioni.
Com’era evidente da una legge sbagliata non poteva che nascere un regolamento pieno di contraddizioni. Grazie alla battaglia sostenuta in questi giorni dai comitati dei quartieri collinari e dai sindacati degli inquilini per fortuna sono stati fatti alcuni passi avanti rispetto ai criteri di applicazione iniziali. Pensiamo al modo con cui attuare la deroga di 5 anni al tetto Isee, al coinvolgimento dei sindacati nell’assegnazione del 50% delle case popolari alle diverse categorie di soggetti previsti dalla “legge Scajola”, così come al miglioramento delle soglie Isee per l’accesso agli alloggi delle famiglie monoparentali e di quelle per la decadenza. Tuttavia come Gruppo del Pd pensiamo che ci sia spazio per ulteriori miglioramenti e soprattutto che vada riaperta la discussione sulla legge. In particolare occorre intervenire sul ruolo dei figli nel computo del reddito Isee famigliare, che deve essere calcolato ai fini dell’affitto ma non deve incidere sulla decadenza, come prevedeva (per 10 anni) la versione precedente della legge. Per questa ragione abbiamo chiesto all’assessore Scajola di essere presente a una riunione della commissione competente insieme ai comitati e ai sindacati, per affinare ancora di più i criteri di applicazione della legge, prima che la Giunta assuma il provvedimento definitivo. In quella sede proporremo di riaprire la discussione sulla “legge Scajola” per correggerne almeno i limiti più evidenti. Siamo fermamente convinti che il tema dell’edilizia popolare debba tornare a essere prioritario per la Regione Liguria. Incalzeremo l’amministrazione affinché le norme possano essere migliorate a favore degli assegnatari e ci associamo alla richiesta di comitati e sindacati di convocare al più presto gli Stati Generali dell’edilizia popolare, per cogliere le opportunità offerte dal rifinanziamento del Bando periferie, dalle risorse dei Pon inclusione e dai fondi comunitari, per rimettere al centro del dibattito la rigenerazione e la riqualificazione dei nostri quartieri popolari".

I consiglieri regionali del Pd ligure Giovanni Lunardon, Valter Ferrando e Pippo Rossetti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News