Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 19 Agosto - ore 23.06

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Pulizia e reimpiantamento boschi, Pastorino esulta

Pulizia e reimpiantamento boschi, Pastorino esulta

Liguria - Nell’ambito delle misure a sostegno dei vigili del fuoco, ieri il consiglio regionale ha approvato all’unanimità la mozione di Rete a Sinistra che impegna la giunta a programmare e coordinare un piano straordinario di pulizia e rimpiantamento attivo nei boschi demaniali. Un grande progetto di “welfare sociale e ambientale” a tutela del patrimonio boschivo ligure, pensato anche per offrire opportunità a giovani senza lavoro, lavoratori socialmente utili e cassintegrati, persone disoccupate cui mancano pochi contributi per la pensione. Nel corso della discussione, l’assessore all’agricoltura rende noto che allo scopo saranno attivati fondi specifici del PSR.
Soddisfazione da parte del consigliere regionale Gianni Pastorino, che aveva presentato la proposta nel gennaio scorso, in concomitanza con i gravi incendi che stavano devastando l’area genovese. "Un risultato significativo su una proposta lungimirante, che ha trovato unanime consenso: l’emergenza incendi boschivi deve essere affrontata in maniera sistematica e coordinata – dichiara Pastorino -. Per prima cosa vanno risolte le carenze di organico, mezzi e formazione sofferte dal corpo dei Vigili del Fuoco; in questo senso auspichiamo che la nuova convenzione, ratificata il 15 giugno, dia risultati concreti. Ma siamo convinti che la Regione abbia tutti gli strumenti per promuovere azioni complementari, altrettanto necessarie, come quella indicata dalla nostra mozione".

"Le perizie di gennaio evidenziavano un forte degrado dei boschi liguri: l’incuria e l’abbandono delle attività umane rappresentano la miccia che innesca incendi disastrosi. La stessa mancanza di tracciatura e pulizia dei sentieri, che costituiscono barriere tagliafuoco naturali, sono fattori acceleranti. E alla fine il territorio esce devastato, nonostante lo straordinario impegno dei vigili del fuoco e dei volontari dell’AIB. La politica deve compiere un deciso passo avanti: se vuole evitare disgrazie peggiori in futuro, deve pensare subito alla “ricostruzione” del patrimonio boschivo ligure – sottolinea Pastorino -. Abbiamo messo in campo una grande proposta, grazie alla quale la Liguria potrebbe diventare un caso nazionale: pulire per diminuire il rischio-incendi, rimboschire per disinnescare gli effetti delle bombe d’acqua, considerato che i terreni devastati dagli incendi, senza alberi, diventano più instabili e quindi ancor più suscettibili al dissesto idrogeologico. Ancora meglio se tutto questo può generare opportunità di lavoro per chi oggi ne ha bisogno".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure