Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 18 Gennaio - ore 22.38

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Pucciarelli: "Islam? Religione maschilista e incompatibile con nostra civiltà"

Pucciarelli: `Islam? Religione maschilista e incompatibile con nostra civiltà`

Liguria - “Poligamia islamically correct? Le battaglie e le vittorie delle donne vanno difese a spada tratta. La Boldrini è sempre pronta a criticare e lottare contro i nostri uomini e i cattolici, ma è accondiscendente con i musulmani che predicano la poligamia e con gli harem dei Califfi. Perché continua a dire stupidaggini e non si esprime contro gli islamici, che vogliono farci tonare all’età della pietra?”.

Lo ha detto oggi il consigliere regionale della Lega Nord Liguria, Stefania Pucciarelli, che si è schierata contro le dichiarazioni di Hamza Roberto Piccardo, tra i fondatori dell’Ucoii, cioè coloro che si definiscono “islamici moderati”. Commentando la celebrazione delle unioni civili omosessuali a Milano, l’islamico imperiese l’altro giorno ha sostenuto che sarebbe opportuno, dopo la legalizzazione delle unioni gay, procedere anche con un analogo riconoscimento giuridico della poligamia.

“Insomma: una, due, tre, o chissà quante mogli servitrici per un solo uomo – ha aggiunto Pucciarelli - secondo quello che Piccardo ha definito “islamically correct”. Simili dichiarazioni confermano la palese incompatibilità tra l’islam, religione ideologicamente maschilista e totalitaria, e la nostra civiltà. Le posizioni oltranziste islamiche sono diffuse in Occidente grazie alla libertà ed agli spazi che concediamo loro, per imporre, lentamente e consapevolmente, un sistema di valori contrario al nostro. Le preoccupanti dichiarazioni sulla poligamia, però, fanno riflettere: dal momento che in Italia non esiste più il giusto riconoscimento socio culturale e politico dell’istituto della famiglia tradizionale (è quanto ha, con il voto contrario della Lega, decretato l’approvazione in Parlamento del DDL Cirinnà) qualsiasi altro istituto di organizzazione famigliare, potrebbe legittimamente pretendere il proprio riconoscimento legislativo. Pertanto, anche le radical chic come la Boldrini e quelle della sinistra, in particolare del Pd, hanno contribuito attivamente all’annientamento delle libertà e dei diritti ottenuti dalle donne con decenni di grandi e giuste battaglie. Fino a che in Italia ci sarà la Lega, ogni tentativo di legalizzare la poligamia, non potrà che trovare la ferma opposizione dei nostri uomini e delle nostre donne. Alcune esponenti della sinistra, invece, saranno sempre in prima fila per difendere la dignità delle donne solo quando si tratterà di stupidaggini, e pronte a retrocedere di fronte all’harem di qualche Califfo a cui, purtroppo, hanno imparato a stendere servilmente il tappeto rosso”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure