Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 10 Dicembre - ore 22.00

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Porti, Pastorino: "Toti parla solo di Genova ed emargina le Autorità portuali"

Porti, Pastorino: `Toti parla solo di Genova ed emargina le Autorità portuali`

Liguria - L’8 marzo scorso, il presidente Toti e l’assessore Rixi hanno tenuto un incontro dedicato alla portualità ligure. "Almeno in teoria. Sì perché, anzitutto, quella che doveva essere una discussione ambiziosa, di respiro regionale, in realtà si è concentrata quasi esclusivamente sul porto di Genova", attacca Gianni Pastorino, capogruppo in Regione di 'Rete a sinistra'.
"Ma le nostre perplessità non si fermano qui - continua Pastorino -: la cosa più sorprendente, infatti, è che alla riunione sono stati invitati i rappresentanti di alcune categorie economiche, davvero poco attinenti con le attività portuali. Ora, è chiaro che il porto di Genova sia il biglietto da visita della città e, per estensione, della regione, quindi l’argomento può interessare anche quella parte di economia non direttamente coinvolta nelle attività tipiche del settore. Così come è stato impostato l’incontro è difficile comprendere la situazione dei porti liguri, se non in maniera troppo vaga. Da questo punto di vista, il sospetto è che questa iniziativa sia stata una boutade, senza alcuna visione strategica.
Ma oltre alle apparenze traspare un indirizzo politico, piuttosto chiaro: agendo in questo modo, non sembra che la Regione voglia esercitare un’azione programmatoria, cioè la funzione che gli compete. Al contrario, sembra che Toti preferisca la strada della gestione diretta, in prima persona, cadendo nello stesso errore che noi abbiamo criticato alla giunta precedente.
Invece di predisporre una programmazione integrata su base territoriale, demandando ai comuni le funzioni operative, Toti vorrebbe anteporsi e sostituirsi agli enti locali, per autonominarsi “Sindaco dei Sindaci”. Per noi è una storia già vista.
Perché le grandi emarginate della discussione sono state proprio le Autorità Portuali, cioè gli enti strumentali che dovrebbero organizzare, stabilire e gestire tutte le questioni relative agli spazi e alle attività dei porti liguri. La sensazione è che siano state esautorate, tagliate fuori completamente; e che le decisioni ora passino soltanto da Piazza De Ferrari. E allora non sorprende che, durante l’incontro, Toti abbia elencato tutte le questioni cardine: i rapporti con gli operatori, la faccenda delle aree da riutilizzare, le riparazioni navali, gli accordi fra i terminal.
A nostro parere, andrebbe invece valorizzato il rapporto con le organizzazioni sindacali, che rappresentano gli interessi dei lavoratori in un comparto che soltanto a Genova impiega fra i 35.000 e i 40.000 dipendenti, ma anche con le imprese che investono nel settore, lasciando la giusta autonomia alle Autorità Portuali.
Insomma: l’impressione è che Toti stia costituendo una finta cabina di regia. Un’operazione di facciata, svuotata da qualsiasi elemento programmatorio, che possa determinare un vero salto di qualità attraverso la condivisione di obiettivi con i vari soggetti che costituiscono l’ambito portuale.
Un’ultima considerazione: se la Regione promuove i soggetti economici al grado di interlocutore privilegiato, e parallelamente esautora le Autorità Portuali, allora sta ragionando in una logica di cartello. E a farne le spese, prima di tutto, sono le stesse Autorità Portuali, che escono delegittimate in termini di competenze e capacità.
Detto questo, da parte nostra c’è assoluto rispetto del lavoro svolto dalle associazioni di rappresentanza. Ma il porto è un insieme di soggetti economici vivi che interagiscono fra loro: è chiaro, quindi, che solo la dimensione operativa può determinare prima il cambiamento e poi il salto di qualità.
Tale dimensione operativa spetta soltanto alle Autorità Portuali, non alla Regione o alla Giunta Toti".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










I SONDAGGI DI CDS

Via le macchine, Piazza Beverini solo per i pedoni. Voi cosa ne pensate?































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure