Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 23 Maggio - ore 08.31

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Pd: "Da Toti manovra depressiva". Il gov: "Dem fuori dal mondo"

Botta e risposta tra il gruppo regionale del Partito democratico e il presidente della regione Liguria. Sul tavolo, l'assestamento di bilancio.

Pd: `Da Toti manovra depressiva`. Il gov: `Dem fuori dal mondo`

Liguria - "Con un disavanzo sanitario in crescita e l’occupazione in calo - a partire dal primo semestre di quest’anno in Liguria i posti di lavoro sono diminuiti – ci saremmo aspettati dalla Giunta Toti una manovra espansiva, in grado di rilanciare l’economia del territorio. E invece, leggendo l’assestamento di bilancio preparato dall’amministrazione di centrodestra, siamo di fronte all’esatto contrario: una manovra depressiva, che contiene soltanto tagli e che è tutta ripiegata sull’effimero e l’apparenza". Va così all'attacco il gruppo regionale del Partito democratico. "Il documento prodotto dalla Giunta Toti - proseguono i dem - infatti si concentra quasi esclusivamente sull’acquisto della reggia di piazza De Ferrari, che la precedente amministrazione aveva deciso di abbandonare per ridurre i costi. Del debito di ben 62,5 milioni di euro (un’enormità) contratto dalla Giunta di centrodestra, ben 26 milioni – di cui gli ultimi 11 solo in questo assestamento – servono proprio per comprare questo palazzo. Avremmo capito se si fosse trattato di una casa della salute o di un nuovo ospedale, ma spendere così tanto e in un momento talmente difficile per soddisfare il bisogno di apparenza di Toti, ci sembra un’assurdità. Questa decisione però, purtroppo, va di pari passo con l’aumento vertiginoso delle spese di rappresentanza, con l’incremento delle auto blu, con il proliferano degli incarichi direttivi e con la moltiplicazione delle poltrone e – con tanto di proposta di istituire i sottosegretari – che stanno caratterizzando l’era Toti in Regione.
A fronte di queste spese, nell’assestamento di bilancio si tagliano tantissimi servizi e settori (dai parchi allo sport) e si investe molto poco. Per fare un esempio viene stanziato soltanto un milione di euro per i piccoli Comuni e appena un milione e mezzo per la difesa del suolo. Tutto questo, lo ricordiamo, a fronte di 11 milioni spesi per la sfarzosa sede della Giunta.
Scendendo nei particolari, in quest’assestamento si tagliano le risorse ai parchi (almeno 450 mila euro) e al sociale, un settore, quest’ultimo, in cui i progetti che vengono finanziati sono sempre gli stessi del passato, e cioè quelli pensati ed elaborati dal centrosinistra. Anche lo sport viene pesantemente penalizzato, visto che all’impiantistica sono stati assegnati solo 800 mila euro: decisamente troppo poco.
Insomma in quest’assestamento non c’è un’idea – neppure i punti fissati nella legge sulla crescita un anno fa trovano riscontro - e vengono a mancare grandi risorse. In compenso però ci si indebita per comprare una bella sede alla Giunta".

Pronta la risposta del governatore: “Ogni volta che leggo un comunicato del Partito Democratico in Liguria mi chiedo dove vivano questi signori. Dopo aver pagato per dieci anni un principesco affitto per soggiornare, come cicale, nel palazzo di Piazza de Ferrari, una volta che sono stati sfrattati dai cittadini lo stabile è diventato la loro ossessione primaria. Tanto da non rendersi conto di quanto sia diverso pagare un affitto, bruciando milioni di euro senza che nulla resti e invece usare gli stessi soldi per acquistare un immobile ( acquisto per altro non ancora deciso né deliberato) che resti per sempre nel patrimonio pubblico. Ma fosse solo questo: dalla razionalizzazione dei molti e sparpagliati affitti pagati in questi anni dalla regione targata Pd, si risparmierà nei mesi a venire un milione di euro. Quindi dal piano degli immobili varato dalla nostra amministrazione, a conti fatti, si risparmierà quasi un milione di euro, e in più acquistando beni da lasciare in eredità. Direi una bella differenza che dovrebbe, per amor proprio, produrre nella opposizione Pd un salutare stimolo non dico ad applaudire, ma almeno a tacere”. Risponde così il Presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti alle critiche del Pd sull’assestamento di bilancio. “Accusare poi la giunta regionale di non aver prodotto una legge di assestamento espansiva mentre il governo di cui fanno parte sta per tagliare alle regioni tutte 2,7 miliardi di euro, mi sembra addirittura surreale – aggiunge il Governatore ligure - Mi sarei aspettato dal partito democratico, che rivendica una cultura di governo, un grido di dolore che si unisse al nostro, di fronte alle scelte di un esecutivo guidato dal segretario di quel gruppo politico che taglia per miliardi di euro servizi ai cittadini in campi sensibili come il sociale, il diritto allo studio, la formazione e tanti altri”.

“Per quanto riguarda la tutela del territorio - conclude Toti - il Pd sembra vittima di una ulteriore malattia i cui sintomi stanno diventando cronici: l'amnesia. La tutela del territorio infatti era compito di quelle province che il Governo Renzi ha abolito, tagliando ogni investimento in questo settore. Nonostante ciò abbiamo cercato di far fronte ai molti e variegati errori del governo romano e delle precedenti amministrazioni regionali: riorganizzando completamento il settore della Protezione civile e stanziando, attraverso l’assestamento, 5,5 milioni di euro per investimenti ambientali in materia di bonifiche, qualità dell’aria e difesa del suolo. Nonostante tutti i guai ereditati e prodotti anche con questa ultima legge di stabilità nazionale la prossima manovra finanziaria regionale continuerà in quel percorso di investimenti semplificazioni e sviluppo che per troppo tempo la Liguria ha aspettato e di cui tutti si sono accorti, visti i risultati delle ultime elezioni, tutti tranne il Pd. Evidentemente la perdita della poltrona ha causato, come danno collaterale, anche la perdita del senso della realtà”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure