Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 28 Aprile - ore 23.01

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Pastorino picchia sui fondi Psr bloccati, Mai: "In arrivo due informatici"

Pastorino picchia sui fondi Psr bloccati, Mai: `In arrivo due informatici`

Liguria - Giovanni Battista Pastorino (Rete a Sinistra) ha presentato un’interrogazione, sottoscritta anche da Francesco Battistini (Gruppo misto Libera-Mente Liguria), in cui ha rilevato che, dopo quasi un anno e mezzo dall’approvazione da parte dell’UE del Piano di sviluppo rurale non risulterebbero ancora sbloccati i pagamenti relativi alle domande sulle misure n. 10, 11, 13 e 14 del Piano 2014-2020, tra cui quelli per i bovini di razza Cabannina, unica razza autoctona. «Speravamo in qualche notizia positiva, ma anche oggi niente da fare: la vicenda dei fondi PSR sembra un film dell’orrore. In Liguria abbiamo 300 milioni bloccati perché non funziona il software nazionale con cui si istituiscono le pratiche. Così funzionari regionali sono tornati a penna e calamaio, ma, in particolare, le misure sulla zootecnia restano ferme ugualmente; mentre il settore è al collasso. Siamo in un vicolo cieco, grazie a un sistema che fa acqua da tutte le parti; tanto vale non aprire neanche i bandi. – ha denunciato il consigliere regionale Gianni Pastorino -. Ma la Regione non è il solo colpevole; perché il vero disastro è causato dalle inerzie del ministero, che in 2 anni non è riuscito a risolvere i buchi della piattaforma SIAN. Anche il “Piano Agricoltura 2.0” è rimasto solo sulla carta: dimostrazione che al governo italiano non interessa affatto il sostegno al comparto agricolo. Altri Paesi europei avanzano e a Bruxelles stanno già elaborando il PSR 2021-2027. Nel frattempo in Liguria non è stato speso un euro: e siamo praticamente a metà del settennato, quindi è più che condivisibile la rabbia di allevatori e agricoltori».

«Assurdo che, a causa di uno scandaloso deficit informatico, non si possano finanziare settori alternativi e potenzialmente anticiclici rispetto alla crisi. Già siamo uno dei Paesi che utilizza meno i fondi europei, e quando li potremmo usare ci facciamo mettere in scacco dall’evidente incapacità di Agea, che non solo non risolve i problemi della piattaforma PSR ma riesce anche a far scadere gli appalti per lo sviluppo software – ha concluso Pastorino -. Se fossi l’assessore regionale all’agricoltura mi sentirei molto imbarazzato, anche se non unico responsabile della vicenda. Crediamo necessario che le regioni scarichino il governo e facciano sistema per dotarsi autonomamente di una piattaforma informatica adeguata agli obiettivi».

L’assessore all’agricoltura Stefano Mai in aula ha premesso che il Piano Agricoltura 2.0 del ministero prevedeva che le funzioni di ricevimento delle domande, finanziamento, istruttoria e pagamento fossero svolte tramite appositi applicativi, che il cronoprogramma prevedeva la disponibilità di questi applicativi entro il 2015 e, infine, che lo sviluppo della piattaforma informatica e il relativo software sarebbero stati a carico del Governo. «Tuttavia – ha aggiunto Mai - ad oggi quasi nulla di quanto previsto dal Piano è accaduto: al momento sono disponibili solo le funzioni di inserimento delle domande mentre le funzioni di istruttoria delle domande sono parzialmente disponibili in forma semplificata solo da pochi giorni e quelle per le misure citate nell’interrogazione non sono ancora disponibili». Queste ultime, strettamente legate al settore zootecnico, non possono nemmeno essere istruite manualmente perché i regolamenti europei impongono una serie di controlli incrociati che possono essere realizzati solo per via informatica. «Grazie alle richieste ufficiali e al mio interessamento – ha concluso - dovremmo contare a breve su due tecnici informatici, pagati dall’Agenzia Nazionale per le Erogazioni in Agricoltura, per recuperare i ritardi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure